Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Udine, ingoia un orologio di plastica e rischia la morte: operato d'urgenza un uomo di 52 anni

Lunedì 30 Maggio 2022
Udine, ingerisce un orologio di plastica e rischia la morte: operato d'urgenza un uomo di 52 anni

Giusto in tempo, verrebbe da dire. Un uomo di 52 anni è stato operato d'urgenza a Udine, dopo aver inghiottito un orologio di plastica. L’equipe medica e infermieristica della struttura di Gastroenterologia del Santa Maria della Misericordia ha dovuto eseguire un intervento di endoscopia, salvando la vita all’uomo. L'orologio è stato estratto dallo stomaco, prima che potesse perforarlo. 

Bicarbonato dopo l'abbuffata di Pasquetta: 43enne finisce in ospedale con lacerazione dello stomaco

TikTok, ingerisce magneti per una sfida social. Bimbo di 9 anni operato d'urgenza per la rimozione dell'intestino

Salvato grazie all'intervento d'urgenza

L'uomo si era presentato domenica 29 maggio al pronto soccorso, lamentando un forte dolore addominale. Una volta appurati i fatti, è stato chiaro subito il da farsi. «Qui a Udine interveniamo su 30-35 casi all'anno – spiega la dottoressa Debora Berretti, direttore della Struttura di Gastroenterologia dell’Ospedale - di questi 10-15 riguardano i bambini mentre per il resto si tratta di persone adulte: il 70% sono ingestioni accidentali e il 30% volontarie (pazienti con problemi psichiatrici, detenuti o corrieri della droga)», le sue parole riportate de Udine Today. 

«L'ingestione di corpi estranei non è un evento raro - precisa la Berretti -. La maggior parte riesce a transitare spontaneamente attraverso il canale alimentare e viene espulsa con le feci», ma «il 10-20% rimane intrappolato nell'esofago o nello stomaco e va rimosso per via endoscopica. Meno dell'1% richiede un'operazione chirurgica». 

Ultimo aggiornamento: 12:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA