Ostia, porta il cane al parco e muore dopo la caduta: gravi ferite a testa e costole

Giallo a Ostia sul decesso di una 76enne ricoverata con fratture ed edema cerebrale. Per i medici le ferite non sono compatibili con una banale scivolata. Indaga la polizia

Domenica 10 Aprile 2022
Ostia, anziana trovata al parco con gravi ferite a testa, costole e vertebre: è giallo

È giallo a Ostia sulle cause della morte di Giovanna Petroni, 76 anni, la vedova deceduta ieri mattina al San Camillo dopo una caduta al parco del Drago, a Dragona, dove sabato mattina stava passeggiando con il cane del figlio. La donna era stata portata dal 118 al pronto soccorso dell’ospedale Grassi dove sarebbe arrivata incosciente. I medici dell’Ares e i collegi del nosocomio si sarebbero immediatamente resi conto delle gravi condizioni della 76enne che presentava fratture alle vertebre, alle costole e un edema cerebrale dovuto a un trauma. Un quadro clinico che ha insospettito il personale del pronto soccorso, poco convinto che l’incidente avuto al parco potesse aver causato tutte quelle lesioni. 

 

 

 

 

Il sospetto

Per questo i medici hanno chiesto l’intervento dei poliziotti del X Distretto Lido che ora stanno indagando sull’episodio. La polizia sta visionando le telecamere della zona. Viste le condizioni allarmanti, la donna era stata quindi trasferita all’ospedale San Camillo dove nonostante le cure è morta nella tarda mattinata di ieri. Intanto gli agenti stanno ricostruendo le ultime ore di vita dell’anziana. Giovanna Petroni viveva a Roma, in zona Casilina e sabato mattina era a Ostia per occuparsi del cane del figlio, fuori qualche giorno per motivi di lavoro. Aveva raggiunto il parco a bordo della sua auto e dopo aver parcheggiato aveva proseguito a piedi con il cucciolo di Golden retriever al guinzaglio. 

 


Poi il mancamento e la caduta a terra, tra l’erba e la stradina sterrata. Ad assistere alla scena alcuni proprietari di cani che si erano avvicinati per aiutarla. «Ci siamo offerti di chiamare il 118 – raccontano un paio di ragazzi – ma all’inizio la signora non voleva. Sosteneva di stare bene, di sentire solo qualche dolore. Abbiamo dovuto insistere e alla fine ha accettato. Era cosciente e affatto preoccupata per sé stessa. Piuttosto pensava al cane. Non sapeva come fare, a chi lasciarlo perché, ci ha detto, il figlio era a Milano e le aveva affidato il cucciolo. Abbiamo cercato di tranquillizzarla, dicendole che lo avremmo preso in custodia per poi riconsegnarlo al figlio. Stavamo per lasciarle il nostro numero di telefono, quando sono arrivati due ragazzi in moto, probabilmente amici del figlio, che forse la signora conosceva e le hanno garantito che il cagnolino lo avrebbero portato da un’amica». 

 


Solo a quel punto la donna è salita in ambulanza. «I medici del 118 hanno dovuto insistere – aggiungono i ragazzi – la signora non era così convinta di andare in ospedale. Continuava a dire di stare bene. Poi per fortuna il personale di soccorso è riuscita a persuaderla». I residenti escludono che Giovanna Petroni sia stata aggredita da qualcuno mentre passeggiava. «Questo è un parco frequentato dagli abitanti del quartiere – dicono – ci sono anziani, famiglie, ragazzi. La maggior parte delle persone viene qui per correre, giocare con il cane, incontrare gli amici. È pulito e ordinato grazie al grande lavoro dei volontari che in un certo senso lo controllano anche. Avremmo saputo di un’aggressione, di una violenza». L’area, però, è piuttosto grande, lontana circa quattro chilometri, con diversi accessi e qualcosa potrebbe essere capitato alla donna poco prima di entrare. 

 

Ultimo aggiornamento: 11 Aprile, 01:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA