Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bambino di 11 anni scivola nel fiume e annega davanti ai fratelli: mamma tenta suicidio

Martedì 9 Giugno 2020
Bambino di 11 anni scivola nel fiume e annega davanti ai fratelli: mamma tenta suicidio

Un ragazzino di 11 anni che stava giocando con i due fratelli, di 8 e 15 anni, sulla sponda del fiume Brenta, in Veneto, è annegato questo pomeriggio dopo essere scivolato in acqua. La corrente impetuosa, dopo gli ultimi giorni di piogge, l'ha portato via senza che la sorella 15enne potesse far nulla per fermarlo. Sconvolta dopo aver appreso la notizia, la mamma del ragazzo, una 52enne di origine marocchine, ha tentato di suicidarsi, buttandosi in un torrente che scorre dietro la sua casa. 


Roma, 14enne ucciso sulle strisce dopo la cena di fine scuola: guidatore arrestato, positivo al test droga

È stata soccorsa e salvata dall'intervento di parenti e vicini di casa, e poi portata in ospedale. Non è in gravi condizioni. Quella avvenuta sul Brenta è la seconda tragedia di questo tipo in pochi giorni in Veneto. Venerdì scorso un altro adolescente, un 13enne, aveva perso la vita annegando a Cornedo Vicentino (Vicenza), venendo trascinato via dalle acque del fiume Agno mentre giocava sull'argine con alcuni compagni di scuola. Oggi un episodio quasi in fotocopia nel padovano, a Grantorto.

È stata una donna del posto, una 45enne, a dare l'allarme al 112 segnalando che un bambino era caduto nel fiume. Nel giro di pochi minuti sul posto so no arrivati i sanitari del Suem 118, i Carabinieri, i Vigili del fuoco. Ma tutto è stato inutile. Così come i tentativi dei medici di rianimare il bambino, dopo che il corpo era stato individuato e ripescato pochi chilometri più a valle, in località Carturo, a Piazzala sul Brenta. Le prime fonti, nell'immediatezza del fatto, avevano parlato di un incidente avvenuto mentre il ragazzo stava cercando di recuperare un pallone finito in acqua. Versione poi corretta dalla ricostruzione dei militari dell'Arma.

L'11enne, figli di due coniugi di origini marocchine, stava giocando con la sorella di 15 anni e il fratello più piccolo, tutti in costume da bagno, sulla sponda fangosa del Brenta. Forse la voglia di anticipare una giornata di vacanza, dopo il lungo periodo del lockdown sanitario. D'improvviso un tratto della sponda avrebbe ceduto, e il bambino è scivolato sul fango; la sorella ha cercato in tutti i modi di trattenerlo, ma la corrente l'ha trascinato nell'acqua, e non c'è stato nulla da fare. 

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 07:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA