Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incendio Pantelleria, parte la caccia ai piromani. «Sull'isola ci sono solo 10 vigili del fuoco»

Venerdì 19 Agosto 2022 di Mauro Evangelisti
Incendio Pantelleria, parte la caccia ai piromani. «Qui solo 10 vigili del fuoco»

A difendere l'isola dai roghi c'è solo una squadra di vigili del fuoco. Dieci uomini appena. La calma a Pantelleria è tornata nella mattinata di ieri, grazie ai due Canadair decollati da Trapani, dopo sette ore di battaglia contro le fiamme che hanno lambito le case, costretto decine di persone a fuggire anche con i gommoni, distrutto almeno 60 ettari di macchia mediterranea. La procura di Marsala indaga per incendio colposo. Ieri da Roma sono arrivati i carabinieri del Niab (nucleo investigativo anti incendio boschivo), specialisti in questo tipo di inchieste. Per la Sicilia non c'è pace. Sempre ieri un altro incendio si è sviluppato a Monreale, chiusa la strada statale tra Palermo e Sciacca. Numerosi i roghi a Palermo: nel quartiere popolare di Borgo Nuovo le persone per precauzione hanno abbandonato le case, tra di loro anche le suore di un convento.

ISOLA
L'incendio a Pantelleria, alimentato dal fortissimo vento di scirocco, mercoledì è partito da almeno due punti differenti e questo rende concreta l'ipotesi che si sia trattato di un rogo doloso. Già nel 2016 vi fu una catastrofe di questo tipo, anzi anche di proporzioni maggiori. E allora come oggi c'era chi chiamava in causa la coincidenza con il rinnovo dei contratti di chi lavora per l'azienda foreste. In realtà, a Pantelleria i più sono scettici rispetto a questa pista, prevale l'idea dei piromani che agiscono senza un reale obiettivo. Il sindaco di Pantelleria, Vincenzo Vittorio Campo, ha chiesto di abbattere il muro dell'omertà: «Chi sa, parli» ha scritto su Facebook. Il proprietario di una gelateria ha offerto 5mila euro a chi consegnerà ai carabinieri i piromani. Il sindaco al telefono aggiunge: «Qualsiasi segnalazione, qualsiasi particolare, può essere utile a individuare gli eventuali colpevoli».

C'è un altro problema che a Pantelleria hanno ben chiaro. Questa è un'isola che di estate si riempie. Ci sono anche ospiti conosciuti come Giorgio Armani, Myrta Merlino e Marco Tardelli che l'altro giorno hanno lasciato le ville minacciate dal fuoco, o Isabella Ferrari, la cui casa è in un'altra parte dell'isola, e che ieri ha scritto su Instagram: «La mia è rabbia, sconforto. Ci sono persone che hanno comportamenti assurdi, ingiustificati, criminali». Ecco di fronte a questi ciclici attacchi dei roghi e dei piromani, a difendere Pantelleria c'è una sola squadra dei vigili del fuoco. Altri sono impegnati nel servizio di vigilanza necessario all'aeroporto e anche loro sono intervenuti quando lo scalo è stato chiuso, «ma di sicuro servirebbe un presidio con più uomini». «Siamo ancora molto preoccupati - dice il sindaco - perché con questo vento di scirocco c'è il rischio che dalla cenere riprenda a divampare il fuoco».

 

Il procuratore Roberto Piscitello, della procura di Marsala, ha sorvolato la zona con un elicottero dei vigili del fuoco. Saranno visionate le foto satellitari aggiornate in tempo reale. Il fascicolo aperto è a carico di ignoti per incendio colposo. Si andrà anche a esaminare il sistema di prevenzione del Comune e dell'ente parco. Ieri si inseguivano le testimonianze di chi ha temuto per la propria vita quando mercoledì sera il fronte del fuoco avanzava in una vasta area a nord-est dell'isola, tra Cala Cottone e Gadir. Marco Tardelli che insieme alla compagna Myrta Merlino aveva trascorso la notte sullo yacht di Armani: «In 15 minuti si è scatenato l'inferno, siamo stati velocissimi a scappare e quindi non posso dire di avere avuto paura per noi: ma per la casa sì e invece è un miracolo che è intatta». Marco Tardelli e Myrta Merlino sono potuti rientrare nella loro casa. Un altro turista, Dario Cancella: «I bambini erano spaventatissimi. Si vedevano le fiamme e l'aria è diventata irrespirabile per il fumo. Poco dopo è andata via la luce. Ci sentivamo accerchiati, siamo scappati a largo con i gommoni».

Ultimo aggiornamento: 09:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA