Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Treviso, malore alla guida: accosta il furgone e muore, Paolo era un noto ristoratore

Martedì 5 Aprile 2022 di Maria Elena Pattaro
Malore improvviso mentre guida, riesce solo ad accostare e poi muore

Dramma sulla Statale del Santo a Castelfranco Veneto (Treviso): automobilista 64enne stroncato da un malore mentre era alla guida di un furgone. Ad accorgersi del veicolo parcheggiato a bordo strada, stamattina alle 4.30 lungo la statale 308, stato un automobilista di passaggio, che ha chiamato i soccorsi. Ma per il malcapitato al volante non c'era più nulla da fare.

 

Paolo Fantin, 64 anni, di Pederobba, era già morto. Colto da un malore che non gli ha lasciato scampo ma soltanto il tempo di accostare. Inutili i tentativi di rianimazione da parte del Suem 118: il medico non ha potuto fare altro che constatarne il decesso. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri. La salma è ora a disposizione dell'autorità giudiziaria. 

 

Ex ristoratore, Paolo era molto conosciuto nella Marca

Per molti anni ha gestito il ristorante Villa Castagna a Nogaré e il ristorante Ringraziamento a Cavaso del Tomba. Lascia la moglie Serenella, dipendente comunale a Crocetta del Montello, due figlie e il fratello Fabrizio. Quattordici anni fa la famiglia era già stata colpita da un lutto pesantissimo: il figlio Alessandro era morto a 24 anni in un incidente stradale a Valdobbiadene. Il giovane era uscito di strada di ritorno da una cena con amici. 
Fortissimo cordoglio a Pederobba: «Era sempre sorridente, con la battuta pronta. Un uomo di gran cuore, che sapeva farsi volere bene. Paolo  era molto conosciuto in tutta la provincia per la sua attività di ristoratore»" - lo ricorda il sindaco Marco Turato. Poi aggiunge commosso: «Sono molto dispiaciuto perché ho perso un amico».

Ultimo aggiornamento: 16:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA