Treviso, critica la pediatra su Facebook e lei cancella il figlio dai pazienti

di Maria Chiara Pellizzari

Una mamma pubblica un post su Facebook in cui lamenta la scarsa presenza della pediatra: per tutta risposta, la dottoressa ricusa il figlio dalle sue liste. Ecco cos'è successo per uno sfogo sulla piazza virtuale dell'Ora di Castelfranco utilizzata per condividere le proprie preoccupazioni con altri utenti del web, in questo caso con i genitori. «Venti giorni fa ho espresso un'opinione (su Facebook): ho detto che non sono riuscita a parlare direttamente con il medico, in tre settimane ho parlato con due sostituti e una segretaria - ricorda la mamma - poi mi è arrivata la lettera. Ho telefonato, un responsabile dell'Usl 2 mi ha riferito che la dottoressa ha deciso di non seguirmi più a causa di un mio post».

A fare chiarezza è il direttore generale dell'Usl 2, Francesco Benazzi: «Quello tra medico e paziente è un rapporto fiduciario. Come un paziente, se non ha più fiducia, può cambiare medico, così anche il medico può ricusare il paziente. Sono le regole del contratto nazionale»...
Giovedì 8 Marzo 2018, 08:35 - Ultimo aggiornamento: 10-03-2018 11:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-08 17:24:42
ha ragione il medico a ricusare il paziente. Ma ha anche il dovere morale di giustificarsi per le sue eventuali mancanze.
2018-03-08 14:05:50
Il medico non ha fatto bene , ma benissimo : intanto se la mamma aveva qualcosa da ridire , poteva e DOVEVA farlo ai suoi superiori ; e comunque i social forum non sono fatti per criticare alle spalle. Inoltre viene meno il rapporto di fiducia : senza il quale , è giusto che cessi il rapporto medico-paziente. Senza contare che se il medico vuole , può anche denunciare la signora per diffamazione , e chiedere il risarcimento danni...

QUICKMAP