Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pedopornografia on line: in manette un imprenditore romano, scattava foto della figlia

Sabato 25 Giugno 2022 di Giampiero Valenza
La polizia postale

Prima faceva video a sfondo sessuale che ritraevano la figlia, minorenne, e poi li scambiava in un gruppo di un social riservato a questo genere di contenuti. Per questa ragione un imprenditore romano di 48 anni è stato arrestato per pedopornografia. Oltre a lui, in manette sono finiti anche un cameraman della Capitale e un giovane di Viterbo, che invece sono stati sorpresi mentre detenevano una grande quantità di video pornografici con protagonisti bambini.

Gli arresti sono scattati dopo alcune perquisizioni da parte della polizia postale di Roma e Lazio con il coordinamento del Cncpo, il Centro nazionale di contrasto alla pedopornografia online, su delega della Procura della Repubblica di Roma.

Pedopornografia, professore smascherato: colossale archivio di immagini. Il mistero della sim usata da un 14enne

Pedopornografia online, 13 arresti e 21 denunce in tutta Italia: sequestrati più di 250 mila file

L'imprenditore era stato già arrestato nel 2018 per detenzione di un ingente quantitativo di file pedopornografici e aveva appena terminato di scontare la condanna. Ma gli agenti lo hanno intercettato nuovamente su una piattaforma di messaggistica mentre, in inglese, stava manifestando interesse sessuale nei riguardi dei minori. Secondo gli inquirenti avrebbe fatto le foto della figlia per essere inserito in un gruppo esclusivo di scambio di materiale del genere. Agli utenti della chat avrebbe dichiarato di avere due figlie, una di 14 e l'altra di 6 anni. E, poi, avrebbe inviato immagini con minori in biancheria intima.

I poliziotti hanno trovato un cloud dedicato e un gran quantitativo di materiale fotografico catalogato in cartelle. Tra queste, immagini e video autoprodotti con una telecamera nascosta. La polizia postale non ha avuto dubbi quando ha notato, in casa, la presenza della stessa biancheria intima della bimba che avrebbe fotografato. Sulla testa dell'uomo, ora, pende il reato di produzione di materiale pedopornografico.

Il giovane di 26 anni, residente in provincia di Viterbo, è stato invece arrestato in flagranza di reato nell'ambito di un'attività di contrasto internazionale sugli abusi sessuali. L'indagine è stata condotta dalla polizia postale di Viterbo e Roma, con la direzione della Procura della Repubblica di Capitale. La perquisizione ha portato in questo caso al sequestro di diversi dispositivi informatici contenenti numerosi file pedopornografici, con vittime anche bambini di tenera età. Per il giovane è stata disposta la misura cautelare della custodia in carcere.

Manette anche al cameraman di 32 anni, residente in provincia di Roma. Le indagini condotte dalla polizia postale hanno permesso di rinvenire numerosi file di natura pedopornografica che vedevano coinvolti bambini piccoli.

Per i tre arrestati l'attività di indagine prosegue ora con l'analisi del materiale sequestrato per individuare eventuali ulteriori responsabilità, e per identificare eventuali ulteriori minori coinvolti.

Stando alle analisi della postale, soprattutto in questi due anni di pandemia è aumentato il numero dei reati connessi alla pedo-pornografia online e ai reati di adescamento di minori approcciati sul web da sconosciuti senza scrupoli.

Ultimo aggiornamento: 18:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA