Pesce scaduto nel 2011, sequestrate 11 tonnellate destinate ai cenoni di Natale

Bari, sequestrate 11 tonnellate di pesce destinate ai cenoni di Natale
1
  • 5137
La guardia costiera ha sequestrato undici tonnellate di pesce destinate a cenoni e pranzi di Natale. Alcune partite erano scadute nel 2011. Tra il pesce sequestrato, cozze, vongole, noci, mussoli, ostriche e fasolari rinvenute su un tir bulgaro e spigole e orate appena arrivate in porto su un traghetto proveniente dalla Grecia. I controlli rientrano nell'operazione "Confine illegale" condotta al fine di bloccare i traffici illeciti, sempre più consistenti con l'avvicinarsi delle festività.

La tradizione del cenone della vigilia a base di pesce, fa sì che in Puglia la richiesta di pescherie e ristoranti aumenti a dismisura, generando un terreno fertile per chi vuole lucrare. A Bari è stato bloccato un camion appena arrivato dalla Grecia con tre tonnellate di spigole e orate divise in 480 casse, in pessimo stato di conservazione e che potevamo mettera a rischio la salute.



Tra Trani e Barletta, è stato controllato un tir che trasportava mitili (4.800 kg di cozze nere, 600 di noci, 800 di mussoli, 1.000 di ostriche, 300 di fasolari, 800 di cozze pelose) proveniente dalla Bulgaria. A bordo sono state trovate otto tonnellate di vongole e cozze prive della tracciabilità potenzialmente pericolose, a causa delle insufficienti informazioni su tempi e modalità della depurazione.

Un terzo camion, proveniente da Taranto, è stato fermato giovedì sempre a Bari. All'interno, 30 esemplari di pesce spada di taglia inferiore a quella prevista per la commercializzazione lecita.
Sabato 22 Dicembre 2018, 11:01 - Ultimo aggiornamento: 22-12-2018 12:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-12-22 21:02:02
Ma poi chi l'avrebbe comprata questa schifezza?

QUICKMAP