Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Piacenza, infermiera Asl iniettava soluzione fisiologica al posto dei vaccini per Green pass falsi: arrestata

Mercoledì 2 Febbraio 2022
Piacenza, infermiera Asl iniettava soluzione fisiologica al posto dei vaccini per Green pass falsi: arrestata

Una storia incredibile che arriva da Piacenza. Un'infermiera dell'Asl è stata arrestata dai carabinieri per aver fatto ottenere a 23 persone dei Green pass falsi dietro pagamento di una somma tra i 250 e 300 euro. La professionista, che non era una no-vax ma regolarmente vaccinata, è in carcere con l'accusa di corruzione e falso. In manette insieme a lei anche un suo collaboratore che le procacciava i clienti, che pare si rivolgessero a una farmacia della città dove l'infermiera prestava servizio. L'indagine è partita da un esposto proprio dell'Ausl ed è stata condotta dai carabinieri del nucleo investigativo coordinati dalla Procura della Repubblica di Piacenza.

No vax, don Paolo Romeo: «I vaccini contengono cellule derivate da feti abortiti». Poi muore di Covid

Don Corsi, il prete si barrica nell'ufficio postale e non vuole mostrare il Green pass: arrivano i carabinieri

«Ho portato qui un amico No vax che si è convinto, ma siccome ha paura dell'iniezione ci penso io a fargli il vaccino». Così, secondo i carabinieri, l'infermiera riusciva ad accedere agli hub vaccinali, dove tra l'altro aveva già prestato servizio in passato. Non accompagnava però persone che avevano deciso di vaccinarsi contro il Covid, ma i clienti che la pagavano 250 euro, e ai quali lei personalmente iniettava della soluzione fisiologica al posto del vaccino, che invece gettava via. Questo è uno dei primi dettagli che emergono dalla indagine che ha portato all'arresto, oltre che della professionista sanitaria, anche di un suo complice, finito ai domiciliari, che le avrebbe procacciato i clienti.

 

 

Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio, 15:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA