Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pisa, padre e figlia bagnini come in "Baywatch": salvataggio record di 6 persone

Venerdì 29 Luglio 2022
Pisa, padre e figlia bagnini eroi in stile "Baywatch": salvataggio record di 6 turisti

Padre e figlia come in Baywatch. Giulia Angerosi, 19 anni e il papà Mario (54) entrambi bagnini sulla spiaggia di Tirrenia  (Pisa) sono diventati eroi per un giorno dopo aver salvato 6 persone in 3 diversi interventi di salvataggio. «Non è stato facile portarli a riva» ha commentato Giulia, per cui tra l'altro questo è stato la prima volta da  "bagnina" in mare dopo il corso.  

I bagnini non si trovano, spiagge a rischio stop. I balneari: «Ne mancano almeno 3 o 4 mila»

I tre interventi di salvataggio 

Ieri, 28 luglio il mare era mosso sul litorale pisano, con onde alte e correnti importanti che minacciavano i bagnanti. Intorno alle 12 la ragazza ha notato un papà con due figli, un bambino di 10 e una ragazza di 15 che gesticolava: si trovavano già oltre le boe. Immediatamente Giulia e Mario si sono attivati e con un lavoro di squadra li hanno riportati al sicuro. Poco dopo un'altra emergenza ha costretto padre e figlia a chiamare i sanitari perchè una signora aveva perso conoscenza sotto l'ombrellone. Alle 14:00 quando i due erano appena tornati in postazione ecco arrivare dalle onde un'altra richiesta di aiuto: Mario si tuffa in acqua, Giulia lo segue con il Baywatch e insieme portano a riva un papà di 50 anni e un bimbo di 8. Una giornata da veri eroi. 

Ostia, via alla stagione ma mancano i bagnini: rischio caos per il “tutto esaurito”

Il racconto di Giulia: «Era la prima volta» 

«È stato il mio primo salvataggio in assoluto e mi ha già cambiato», racconta Giulia. «Ho capito quanto sia importante salvare vita e che è proprio questo che voglio fare nella vita. Prima ero scettica, adesso no». La sua è una passione ereditata dal papà, Mario e che l'ha spinta ad iscriversi, appena maggiorenne alla scuola della società nazionale di salvamento di Pisa per ottenere il brevetto di bagnina. 

Ultimo aggiornamento: 18:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA