Poliziotti uccisi a Trieste, il killer già arrestato per droga in Repubblica Domenicana

Venerdì 11 Ottobre 2019
Sparatoria Trieste, il killer dei due poliziotti già arrestato per droga in Repubblica Domenicana

Secondo un'informativa della Dndc, la Direzione nazionale antidroga della Repubblica Domenicana, «Alejandro Augusto Stephan Meran, il killer dei poliziotti nella Questura di Trieste, sarebbe stato arrestato per traffico di droga a casa sua, nel paese caraibico».La conferma arriva da Santo Domingo grazie ad Alicia Ortega, une delle più famose giornaliste investigative dell'isola».

Morte degli agenti Rotta e Demenego, a Orvieto la Cgil depone fiori. Bandiere a mezz'asta nel giorno dei funerali
Il killer di Trieste in carcere: «Leggo la Bibbia»


A rivelarlo è il Giornale che sottolinea che a «Trieste gli investigatori spiegano di non avere ancora ricevuto queste informazioni». «Per ora non abbiamo riscontri del genere, ma siamo in attesa di ricevere per vie ufficiali informazioni dettagliate dalla Repubblica Dominicana», spiegano da Trieste. «Nell'informativa dell'antidroga di Santo Domingo - sottolinea il quotidiano - che fornisce anche una foto del killer dei due poliziotti con un filo di pizzetto e sguardo triste, corrispondono anche il numero di passaporto, in possesso degli inquirenti italiani, l'età, 29 anni e il luogo di nascita, Comendador, il capoluogo della provincia di Elías Piña. Un'area al confine con Haiti dove passano le vie del narcotraffico caraibiche».

Su Alejandro ci sono 'tre fascicoli della Dncd' e sarebbe «stato in carcere nel Paese per traffico di droga» si legge nell'informativa, dove «ha scontato la pena», spiega il Giornale che sottolinea: «Forse potrebbe trattarsi solo di un fermo o le accuse magari sono cadute in seguito, ma le certezze si avranno solo con l'arrivo della documentazione ufficiale richiesta dagli inquirenti del capoluogo giuliano».
 

 

«Ortega - si legge sul quotidiano - è certa che il dominicano era schedato, ma in Italia non si è mai saputo nulla. Il giovane Alejandro sarebbe arrivato la prima volta nel nostro paese con la famiglia nel 2005. Poi però, se risultano tre dossier e l'arresto in Repubblica Dominicana, deve essere rientrato in patria». Inoltre si legge ancora sul quotidiano, «il killer faceva anche la spola con la Germania dove ha vissuto con un amico a Deggendorf, che gli investigatori vogliono interrogare. Lo scorso novembre, a Monaco, Alejandro ha rubato un'Audi, non facile da portare via per un neofita, andando poi a sbattere contro la recinzione dell'aeroporto. Sembra che volesse entrare nello scalo a forza per prendere un volo diretto a Santo Domingo».

Ultimo aggiornamento: 19:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA