Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Accusa di spaccio, arresto e carcere: riconosciuto innocente dopo 17 anni

Sabato 11 Luglio 2015
Accusa di spaccio, arresto e carcere: riconosciuto innocente dopo 17 anni
PORDENONE - «Alessandro Turchet, di Pordenone, oggi 54enne, non era mai stato in Sicilia, ma il 9 marzo 1998 viene arrestato a Pordenone, sbattuto nelle patrie galere, perché colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Catania». Lo racconta Giuseppe Lipera, difensore dell'imputato. E annuncia «oggi, la Corte di appello di Catania, terza sezione penale (presidente Tiziana Carrubba, Giudice a latere Alessandro Dagnino), dopo oltre 17 anni da quell'arresto, ha riconosciuto che Turchet, all'epoca 37enne, era innocente e lo ha assolto per non aver commesso il fatto».



L'uomo era stato accusato insieme ad altri, di detenzione e spaccio ingente di sostanza stupefacente. Il 2 aprile dello stesso anno, il Tribunale della "libertà" di Catania annullò l'ordine di cattura, per mancanza di sufficienti indizi, e lo scarcerò Il Pm Giovannella Scaminaci, lo rinviò a giudizio e - ricorda il legale - chiese per Turchet una condanna a nove anni di reclusione ai giudici di primo grado. Il Tribunale di Catania, lo condannò a scontare quattro anni e sei mesi. Il legale presentò appello che venne accolto. Chiosa Li Pera: «È proprio il caso di dire che ogni tanto accade che il tempo è galantuomo».
Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 11:34