Processo Consip, il sindaco di Bergamo Gori faccia a faccia col pm

ARTICOLI CORRELATI
  • 24
Il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, è stato sentito oggi come persona informata sui fatti dai pm della Procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta Consip. L'ex candidato alla Regione Lombardia è stato ascoltato come testimone in relazione all'attività imprenditoriale svolta da Carlo Russo, indagato nella maxinchiesta per traffico di influenze.

Nello stesso filone di Russo, che il 3 marzo del 2017 davanti ai pm di Roma e di Napoli si avvalse della facoltà di non rispondere, risultano iscritti nel registro degli indagati, tra gli altri, Tiziano Renzi, padre dell'ex segretario del Pd Matteo, e l'imprenditore napoletano Alfredo Romeo.

Secondo quanto appreso, il sindaco Gori ha confermato di aver avuto occasione di incontrare l'imprenditore toscano Carlo Russo nel 2012 a Firenze, ma ha precisato di non aver successivamente ricevuto richieste di favori da parte di quest'ultimo. Gori è volato questa mattina a Roma per offrire la sua collaborazione al procuratore Mario Palazzi, titolare dell'inchiesta Consip. Il primo cittadino di Bergamo è stato ascoltato come persona informata dei fatti: uno degli indagati, appunto Russo, in un'intercettazione telefonica fece il suo nome come persona a cui avrebbe potuto eventualmente rivolgersi per chiedere informazioni in ambito lombardo.
Giovedì 22 Marzo 2018, 14:56 - Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 10:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP