Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quarta dose, Speranza: «Pronti per l’autunno». Più antivirali agli anziani

Lunedì 21 Febbraio 2022 di Mauro Evangelisti
Quarta dose, Speranza: «Pronti per l autunno». Più antivirali agli anziani

«Ci teniamo pronti» spiega il ministro della Salute, Roberto Speranza, parlando della quarta dose del vaccino. Una decisione ancora non c’è, ma l’Italia non potrà farsi trovare disarmata se in autunno la scienza dirà che è necessaria una nuova iniezione. L’altro giorno il governo ha destinato 250 milioni di euro alla struttura commissariale del generale Francesco Figliuolo.

Servono ad acquistare nuove forniture delle due pillole anti-Covid (Pfizer e Merck-MSD, destinate soprattutto agli anziani) ma una cifra così alta avrà anche un’altra destinazione: le scorte dei vaccini. L’Aifa (agenzia italiana del farmaco) ha appena autorizzato la somministrazione della quarta dose ai soggetti immunocompromessi, dunque con una scarsa risposta immunitaria, per i quali è necessario un booster. 

Ma al Ministero della Salute non escludono che, in autunno, la quarta iniezione possa essere necessaria per una più ampia fascia di popolazione. Ci sono vari scenari: il primo è molto simile a quello dell’influenza, per la quale ogni anno si raccomandano i vaccini ai più anziani. Un altro valuta la necessità di una quarta dose per tutti i cittadini. Conferma Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa a SkyTg24: «Concentrarsi sui soggetti più fragili è la priorità; valuteremo quello che succederà con grande attenzione, a partire dai prossimi mesi che sicuramente vedranno la coda di questa pandemia. Servirà capire quali varianti circoleranno e sulla base di quello decidere se avere un’altra campagna di vaccinazione di massa o, al contrario, restringere la raccomandazione a vaccinarsi come per l’influenza solo su soggetti a partire da una certa età». 

Video

Quindi quando si dice che il Green pass rafforzato da terza dose è senza scadenza si è imprecisi. In realtà è solo sospesa, congelata: se sarà necessaria una nuova campagna vaccinale, per contrastare nuove varianti o semplicemente per adattarsi alle caratteristiche di un virus respiratorio stagionale, allora una data di validità potrà essere riattivata. Il governo italiano dovrà prendere un’altra decisione delicata: l’obbligo vaccinale e il Super green pass sono collegati al ciclo di tre dosi. La quarta sarà solo offerta come opportunità o invece sarà parte integrante sia dell’obbligo sia del Super green pass? Oggi nessuno ha una risposta. Spiega il ministro Roberto Speranza: «I 250 milioni di euro di fondi previsti nell’ultimo Cdm vanno prevalentemente ai farmaci anti Covid, ma non solo. Ci teniamo pronti anche per i vaccini. Una scelta sulla quarta dose oggi non c’è, la valutazione sarà a livello europeo. Di certo non può essere esclusa, sia chiaro». 

 

Il professor Franco Locatelli è il coordinatore del Comitato tecnico scientifico e presidente del Consiglio superiore di sanità. Spiega che è ancora presto per avere certezze e che sarà necessario altro tempo per avere a disposizione tutti i riscontri scientifici che servono per decidere. «Non vi sono ancora evidenze per potere dire se servirà la quarta dose. Si è tutti concordi e in maniera chiara sui soggetti immunodepressi. Ma prima di fare delle scelte sulla vaccinazione con quarta dose per tutta la popolazione dovremo aspettare di avere dati su quanto dura la protezione conferita dalla terza. Per il momento, come emerge dall’ultima analisi della cabina di regia, è superiore al 93 per cento. Ancora alta».

Secondo Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici Covid 19 dell’Ema (agenzia europea del farmaco) «non ci sono ancora prove sufficienti per raccomandare un secondo booster», vale a dire la quarta dose per tutti, «dobbiamo valutare l’efficacia degli attuali vaccini nel tempo e capire come proseguirà l’ondata di Omicron». 

Ultimo aggiornamento: 11:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA