Accoltella la moglie, poi si lancia dal balcone col figlioletto
di un anno: tutti morti

Gisella Mazzoni con il marito Alessio Loddo (Ansa)
Gisella Mazzoni con il marito Alessio Loddo (Ansa)
Giovedì 11 Dicembre 2014, 09:09 - Ultimo agg. 09:30
1 Minuto di Lettura
RAPALLO - Tragedia familiare a Rapallo. Un uomo di 37 anni, Alessio Loddo, ha afferrato il figlioletto di un anno e si è lanciato nel vuoto dall'ultimo piano di un palazzo di via Lamamora, in pieno centro. Prima il trentasettenne avrebbe accoltellato a morte la propria moglie, Gisella Mazzoni. Carabinieri e 118, accorsi per la morte dell'uomo e del bambino, hanno scoperto in casa il cadavere della donna.







Sono in corso le indagini per stabilire con certezza la dinamica dei fatti. A quanto sembra la coppia si stava separando. I due abitavano ancora insieme e a quanto pare l'uomo non aveva problemi nè di lavoro nè di droga. I corpi di padre e figlio sono stati trovati da un commerciante della zona che ha un magazzino nel palazzo nelle vicinanze della stazione di Rapallo.



I PRECEDENTI L'uomo che ha ucciso a coltellate la moglie prima di uccidersi col figlio a Rapallo aveva già denunce in passato per violenze. Lo ha riferito un amico della donna che è stata uccisa con quattro fendenti. La donna, secondo il racconto dell'amico, voleva lasciare il compagno. L'uomo avrebbe inviato un sms prima di compiere il suo drammatico gesto alla sorella anticipandole le sue intenzioni e chiedendo perdono.