Roberta Ragusa, la cugina in tv: «Il figlio maggiore non crede alla colpevolezza del padre»

Roberta Ragusa, la cugina a Pomeriggio 5: «Ai figli manca, ma in casa c'è un'altra donna»
Antonio Logli è stato ieri condannato in appello a vent'anni per l'omicidio e la distruzione del cadavere della moglie Roberta Ragusa, scomparsa nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012 dal sua casa di Gello, nel comune di San Giuliano Terme e mai più ritrovata. A Pomeriggio 5 parla la cugina della donna.

LEGGI ANCHE ---->  Vent'anni al marito anche in Appello

«Il figlio più grande - spiega la cugina - non crede che il papà possa aver fatto quello di cui è accusato. Si tratta di un ragazzo che ha vissuto una tragedia non indifferente, apparentemente sta bene, ma dentro la casa c'è un'altra donna, un promemoria». La donna allude alla presenza dell'amante di Logli, che si è trasferita in casa poco dopo la scomparsa di Roberta. 


I giudici della Corte d'assise d'appello hanno ritenuto valida la ricostruzione dell'accusa secondo cui Logli, la notte in cui scomparve la moglie, fu scoperto al telefono con la sua amante e ne nacque un litigio sfociato poi in un omicidio e nella distruzione del cadavere di lei. Al momento della scomparsa Roberta Ragusa aveva 44 anni. Insieme al marito gestiva una scuola-guida che si trovava adiacente all'abitazione.

Nelle motivazioni della sentenza di condanna di primo grado si legge che «Antonio Logli è un bugiardo e ha reiteratamente e pervicacemente tentato di mistificare la realtà fornendo in più occasioni una versione degli accadimenti non corrispondente al vero e spesso smentita dagli esiti investigativi», «mentendo anche sulla profonda crisi che attraversava da tempo il suo matrimonio».

 
Martedì 15 Maggio 2018, 17:45 - Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 15:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP