Tre morti nel rogo di un camper a Roma, i residenti: «Troppi furti, qui c'è intolleranza». Ma c'è anche chi porta fiori

Mercoledì 10 Maggio 2017
Tre morti nel rogo di un camper a Roma, i residenti: «Troppi furti, qui c'è intolleranza». Ma c'è anche chi porta fiori

«Siamo stanchi dei furti nelle case e nelle auto in sosta, stanchi di sporcizia e cassonetti rovistati». Tracima l'intolleranza, che sfiora il razzismo, degli abitanti di questo pezzo di periferia romana non ancora Centocelle, stretta tra Casilina e Prenestina. Qui nel rogo di un camper, un rogo doloso, sono morte tre sorelle rom, una ragazza e due bimbe. Un quartiere un tempo solidale, che per anni ha convissuto col grande campo nomadi di Casilino 700 e che ospita il 123esimo circolo didattico, quello della scuola Iqbal Masih, la prima, ormai 15 anni fa, a praticare l'integrazione dei bimbi nomadi tra i banchi di scuola.

Oggi però è un'altra storia quella che raccontano i cittadini. Una storia di intolleranza verso i nomadi. «È un continuo di furti nelle case e nelle macchine in sosta - racconta Aniello - La zona è piena di immondizia e i nomadi rovistano nei cassonetti. Qui dietro c'è anche il campo di via dei Gordiani». «Venerdì sera a via Romolo Balzani è andato a fuoco un altro camper per fortuna vuoto», dice un altro uomo. Un'anziana è convinta di aver incontrato più volte la famiglia che abitava nel camper: «Quei nomadi parcheggiavano di solito vicino a villa de Santis. Vivevano qui intorno, li vedevamo spesso». E anche un cliente del centro commerciale, Massimiliano, ricorda di averli visti qualche giorno fa: «Era lunedì pomeriggio i bambini giocavano sul piazzale davanti al camper. Erano sporchi, chiassosi, ma sembravano persone tranquille».

Qualcuno cerca di smorzare i toni spiegando che i «problemi sono gli stessi che ci sono in altre zone delle città» ma altri ripetono che la «gente ormai è stufa». «Non se ne può più - commenta Rosa, una pensionata mentre fa la spesa in un negozio di zona -. Tra criminalità e sporcizia siamo stanchi. Oggi è stata raccolta l'immondizia solo perché arrivava il sindaco». «Si vedono spesso rom bazzicare nei negozi con i bambini che chiedono l'elemosina o proporsi ai pensionati per aiutarli a portare le buste - racconta - a volte cercano di rubare i portafogli, noi interveniamo e vanno via senza reagire. Non hanno mai reagito con violenza o minacciandoci». E aggiunge come niente fosse: «in quel caso sì che poi che verrebbero bruciati». Una frase detta con indifferenza.

Ma c'è anche chi, superando silenziosamente le transenne messe delle forze dell'ordine, stamani ha lasciato vicino ai resti del camper un mazzo con tre rose rosse per le tre piccole vittime del rogo. Accanto un biglietto scritto a mano: «Carissime amiche, mi sento in colpa pure io. Che Dio vi sia vicino» firmato Nicola.

Ultimo aggiornamento: 20:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA