Rom si fingono direttori di banca e derubano gli anziani: «Lo dice la legge Salvini»

Rom sottraggono soldi e gioielli agli anziani: «Lo dice la legge Salvini»
0
  • 111
Si sono finti direttori di banca e, citando una fantomatica legge Salvini, hanno convinto un'anziana a consegnare loro denaro, gioielli e bancomat, con tanto di pin. Tre sinti - Armandino e Irma Cena, 45 e 51 anni, ed Erika Grimaldi, 46 anni - sono stati arrestati dalla polizia. La Squadra mobile di Torino li ha intercettati a Genova: il gruppo criminale agiva infatti tra Piemonte, Liguria e Lombardia.

LEGGI ANCHE ----> Salvini: «Se rimpatriamo tutti i migranti ci mettiamo 80 anni»​



Nel corso di alcune perquisizioni, i poliziotti hanno sequestrato una Porsche Macan, utilizzata per mettere a segno i colpi, più di una cinquantina secondo l'accusa. Nell'ambito del Progetto Medusa, per il contrasto delle truffe agli anziani, è finito in manette anche Simone Lakatosk, polacco 22enne, perché, con un complice 17enne che è stato denunciato, ha cercato di truffare un anziano a Torino.



Nella sua cantina a Novara, gli agenti hanno trovato cellulari, venti schede sim e numerosi oggetti in argento rubati. «Si tratta di una criminalità fluida - spiega il questore di Torino Francesco Messina - Di persone che, ogni mattina, come pescecani, escono per colpire i più deboli». «Siamo sulla strada giusta - interviene il dirigente della Squadra Mobile del capoluogo piemontese, Marco Martino - Se nel mese di aprile abbiamo avuto 32 truffe, ad agosto siamo arrivati a 4».
Domenica 9 Settembre 2018, 16:40 - Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 21:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP