Colpo grosso a Roma: rubati 30 quadri nella villa di un diplomatico Ue

Martedì 16 Febbraio 2021 di Marco De Risi
Roma, colpo grosso a Monteverde: rubati in una villa 30 quadri a diplomatico Ue

Un furto da Arsenio Lupin. Domenica sera, è sparita un’intera pinacoteca in una lussuosa villa di un privato nel quartiere Monteverde. I ladri sono riusciti ad entrare in casa e hanno trafugato 30 quadri attribuiti ai pittori Renato Guttuso e Giuseppe Capogrossi due maestri del XX secolo (il cui listino è molto alto). Si tratta di vere e proprie opere d’arte. Un solo quadro dei due maestri può valere anche 400.000 euro. Un furto per migliaia di euro e forse anche di più. La stima, comunque, sarà fatta con il rientro a Roma del proprietario della villa con una cifra che potrebbe aggirarsi anche intorno, se non superiore, al milione di euro.

LEGGI ANCHE Raffaele Imperiale, il boss dei Van Gogh ricercato numero uno 

Ad accorgersi del furto è stato un parente del proprietario, un funzionario dell’Unione Europea che attualmente vive a Bruxelles, che ha subito allertato la polizia. Innanzitutto i ladri sono stati capaci di neutralizzare il sistema d’allarme. Si sono mossi come ombre in modo che nessuno li sentisse. Va anche detto che la casa è disabitata attualmente ed in questo possono essere stati agevolati. Ma non si è accorto del furto nessun residente. 
I ladri hanno trafugato le opere d’arte facendo assolutamente attenzione che nessuno si accorgesse di nulla. Probabilmente di notte, sono entrati nel giardino di casa e poi hanno affrontato l’ostacolo più difficile: entrare all’interno senza fare il minimo rumore. Con un attrezzo apposito hanno tagliato il vetro della grande finestra che da sul giardino e così sono riusciti ad entrare all’interno. Poi, non è stato facile trafugare trenta quadri. Per farlo devono avere avuto un furgone sul quale caricarli ed hanno avuto la necessità che trascorresse molto tempo: appunto il tempo di rubare i quadri e metterli nel furgone. Un altro dettaglio: è stato quello di neutralizzare l’allarme dell’appartamento. I ladri sono riusciti a fare anche questo. Poi, hanno messo le mani sulle opere d’arte dei maestri Guttuso e Capogrossi. Devono avere usato delle torce per entrare nella villa e staccare i quadri dal muro.

Quando domenica pomeriggio il parente del proprietario è entrato nella villa ha trovato le pareti vuote, i quadri spariti, volatilizzati. Per questo ha chiamato subito la polizia. Ad andare sul posto sono stati agenti del commissariato Monteverde. I poliziotti si sono subito resi conto di trovarsi davanti ad un maxi colpo messo a segno da mani esperte. Ora l’indagine è passata alla squadra mobile che passerà al setaccio tutto il mondo dei ricettatori di alto livello. Ci potrebbe essere la possibilità d’intercettare i quadri. Nelle indagini figurano anche i carabinieri che sono esperti a stroncare i traffici di opere d’arte. 
 

Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio, 13:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA