Roma, spara e uccide la moglie e poi si toglie la vita, grave il figlio: choc a Primavalle

Sabato 23 Maggio 2020 di Marco De Risi
Roma, spara alla moglie e al figlio piccolo e tenta il suicidio: choc a Primavalle

Ha sparato alla moglie e al figlio per poi puntare la pistola su se stesso e fare fuoco. Una mattinata di terrore a Primavalle, periferia Ovest di Roma. A impugnare l'arma è stata una guardia giurata, Nicola Russo, 67 anni. I fatti sono avvenuti questa mattina (poco prima delle 10) in una abitazione di via Francesco Maria Torrigio, al civico 102Sono stati portati tutti in ospedale, dove poco dopo sono morti sia l'uomo che la donna, Gerarda Di Gregorio (63 anni originaria di Avellino). Anche il figlio risulta essere gravissimo.

Spara a moglie e figlio poi si uccide: famiglia sterminata nel Torinese

Roma, spara quattro colpi contro il portone dell'ex moglie: «Da mesi non mi fa vedere i bambini»

Da una prima ricostruzione, sembra che la coppia fosse in fase di separazione e stamattina la donna con il figlio di 44 anni erano andati a casa dell'ex per prendere alcune cose. Con loro c'era anche la nuora (testimone oculare) che ha raccontato tutto agli investigatori.
 

 

La guardia giurata, in un primo momento ha accoltellato la moglie, poi ha afferrato la pistola d'ordinanza (una 7,65) e ha iniziato a sparare prima al figlio e poi alla donna già ferita da alcuni fendenti. «Ho visto una persona a terra in via Torrigio con una ferita alla gola, sanguinava e ho pensato fosse morto ma poi mi sono reso conto che respirava», ha raccontato un testimone, senza sapere che poi l'uomo e la donna sarebbero morti poco dopo. La polizia sta interrogando i vicini.
 

Ultimo aggiornamento: 17:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA