Roma, scuola chiusa per «problemi tecnici» e salta l'esame di terza media: chiamati i carabinieri

di Laura Bogliolo

2
  • 26
Cancelli chiusi questa mattina alle 11 nella sede di largo Theodor Herzl dell'Istituto comprensivo Tullia Zevi, a Casal Palocco. Oltre cento ragazzini erano pronti ad affrontare la prima prova dell'esame di Stato di Terza Media ma sono rimasti all'esterno dell'edificio  sotto il sole in attesa che qualcuno venisse ad aprire i cancelli. «Ho lasciato mia figlia  - racconta una mamma - sono ripartita per accompagnare l'altro bambino, ma poco dopo sono stata chiamata al cellulare: "Mamma torna, oggi niente esame"».

Le famiglie sono andate su tutte le furie: «E' inaccettabile!».

La fuga d'amore del 14enne: salta l'esame di terza media e fa 270 km in bici per correre da lei



Le famiglie, quindi, hanno chiamato i carabinieri che poco dopo sono intervenuti. «Ci hanno detto che per un problema tecnico mancavano i voti di ammissione - spiegano i rappresentanti di istituto - e senza voti non si può procedere con l'esame. Hanno parlato anche di "mancanza di materiale": mancavano dei timbri su alcuni fogli. Questa notte - aggiungono - sono uscite le pagelle, e i voti di ammissione non c'erano».

L'esame di lingue straniere doveva svolgersi dalle 11 alle 14.30 «così come previsto dalla circolare del 20 maggio numero 232» e invece è stato riviato alle 15. Quattro ore di ritardo insomma tra caldo, caos, i militari nella scuola e i ragazzini scoraggiati lasciati fuori l'istituto. Molti genitori hanno dovuto prendere permessi a lavoro per tornare a prendere gli studenti. Dopo un po' gli insegnanti hanno affisso un foglio scritto a penna: «Gentili genitori e alunni, gli esami di Stato sono stati rinviati alle ore 15 del giorno 12 giugno 2019. La scuola tecnica si scusa per l'inconveniente dovuto a ragioni tecniche».  L'Istituto, contattato dal Messaggero, conferma il rinvio di qualche ora nell'avvio degli esami «per problemi tecnici».

 
Mercoledì 12 Giugno 2019, 12:36 - Ultimo aggiornamento: 12-06-2019 18:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-06-12 16:54:19
ma porcaccia la miseriaccia, ma perchè 'ste cose non le leggo mai accadere che so, a monaco di baviera o a zurigo o a oslo? 2) si sono scusati. ok. bravi. pagare una qualche penale per il disservizio? noooo, non sia mai!!! dipendenti pubblici , noi!!! abbiamo l'art. 18 noi!!!!
2019-06-12 16:51:37
w la squolaaaaaaaaaa!!!!! (mo' la raggi no c'entra!!)

QUICKMAP