Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I vigili del fuoco non possono spegnere l'incendio, impossibile riempire le autobotti. Tutta colpa dei "vampiri d'acqua"

Martedì 26 Luglio 2022 di Emilio Orlando
bocchetta_acqua_incendi_vigili del fuoco

Vampiri d’acqua che impediscono di spegnere gli incendi a Centro Serena, sulla Prenestina. Quando i vigili del fuoco sono arrivati per spegnere l’ennesimo rogo estivo, infatti, si sono accorti che alla colonnina per il rifornimento dell’acqua erano stati “allacciati” abusivamente dei tubi di plastica per rifornire una baraccopoli di rom. A denunciare l’episodio è stato il delegato all’ambiente e ai rifiuti del VI municipio Marco Doria, che è stato anche aggredito con un coltello da uno dei dieci occupanti della tendopoli. Ettolitri d’acqua pubblica, che doveva servire per l’emergenza incendi e invece veniva utilizzata a sbafo. La scoperta è stata fatta in via Padre Damiano de Veuster, in località Colle degli Abeti, dove la colonnina per il rifornimento idrico era stata occultata da alcuni pannelli per coprire i tubi in Pvc, lunghi 50 metri, che partivano dal bocchettone e portavano alla favelas a poca distanza dalle abitazioni popolari. I residenti chiedono che nella zona venga riportata la legalità, ormai compromessa dalla presenza di bande criminali straniere e narcotrafficanti che hanno trasformato la zona in una piazza di spaccio a cielo aperto.

Ultimo aggiornamento: 16:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA