Bufera sul gruppo Facebook pro Salvini, minacciata di stupro la scrittrice Michela Murgia

di Franca Giansoldati

8
  • 494
«Speriamo che ti violentano». Di nuovo violenza sul web contro una donna. Ogni giorno un nuovo caso porta a galla un fenomeno strisciante e sommerso fatto di minacce non troppo velate e tanto sessismo. Stavolta è toccato a Michela Murgia, scrittrice e critica letteraria, autrice del bestseller Accabadora e vincitrice dei premi Campiello, Dessì e SuperMondello. Su Facebook è stata oggetto di pesanti intimidazioni del tipo “ti stupriamo”, o addirittura l'augurio di morire.



Al centro della rabbia dei cretini da tastiera un intervento a favore dei migranti che ha fatto a Bologna domenica scorsa durante un dibattito per la Repubblica delle Idee. A bersagliare la Murgia è un gruppo di Facebook che si chiama Gruppo uniti a Salvini e che è già stato segnalato alle autorità postali.

A questo punto la scrittrice non ha esitato a rivolgersi al leader della Lega chiedendogli perchè mai le pagine a sostegno del suo partito possano arrivare a tollerare questo linguaggio orrendo che finisce non solo di avere uno scopo intimidatorio, ma offre l'esempio, rischiando di indurre altri a fare altrettanto, sdoganando un linguaggio triviale, minaccioso, osceno che sfocia in una specie di orrenda catena di sant'antonio.

«Lasciare questa sequela di commenti in un gruppo aperto dedicato a Salvini - commenta la Murgia - manifesta l'intenzione di punirne una per educarne cento». Il dissenso politico non può essere punito con l'odio, fino alle minacce. La sequenza delle offese è impressionante. «Ha due guanciotte giuste da riempire di schiaffoni», «Da un nero ti devi trafiggere», «questa vuole i migranti per altri motivi personali». «fatti curare deficiente, spero che tutto ciò ti si ritorcerà contro». Sembri un cesso plastificato».  










 
Mercoledì 12 Giugno 2019, 09:04 - Ultimo aggiornamento: 12-06-2019 16:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-06-12 13:44:59
passando dall' articolo alla "filosofia" io non credo che la "scrittrice" corra il rischi di essere violentata!
2019-06-12 13:02:29
Non si possono ridurre a cretini da tastiera dei presunti violenti rei, da indagare, secondo le leggi da parte dei competenti organi inquirenti. Ed eventualiispiratori e/o istigatori.
2019-06-12 11:13:16
affinale perchè Salvini deve sentirsi responsabile? il PD si sente responsabile quando una risorsa violenta una donna o la fa a pezzettini?
2019-06-12 10:23:07
C'è un fatto molto più grave : è che molti, anche commentatori di questo giornale, si sfregano le mani e sghignazzano!
2019-06-12 10:18:16
Il problema è sempre lo stesso, ovvero imporre idee proprie anche a chi la pensa diversamente, solo perché ci si forgia di un titolo di 'scrittore'. Io non auguro nulla di male a Murgia, ma posso almeno permettermi di dissentire e di pensare che le sue idee sono per me utopiche idiozie?

QUICKMAP