Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sarah Scazzi, no al permesso premio per Sabrina Misseri. ​«Accertata pericolosità sociale»

Giovedì 24 Marzo 2022
Sarah Scazzi, "no" al permesso premio alla cugina Sabrina Misseri condannata per l'omicidio «Accertata pericolosità sociale»

«Accertata pericolosità sociale» e «mancanza di elementi indicativi di una rivisitazione critica del suo pregresso comportamento deviante». Sono queste le motivazioni con cui la Cassazione ha confermato il respingimento della richiesta di ottenere un permesso premio avanzata da Sabrina Misseri, condannata all'ergastolo con sua madre Cosima Serrano per l'omicidio della cugina Sarah Scazzi, di 15 anni, ad Avetrana il 26 agosto 2010.

I giudici hanno evidenziato anche anche «l'assoluta inopportunità di autorizzare il permesso premio nella stessa città in cui si sono svolti i fatti per la non contestata presenza di altri soggetti comunque coinvolti nella stessa vicenda processuale». 

L'omicidio di Sara Scazzi

Sarah Scazzi è stata uccisa ad Avetrana (Taranto) il 26 agosto del 2010 e il suo cadavere è stato gettato in un pozzo in campagna. Per l'omicidio sono state condannate all’ergastolo Cosima Serrano (zia della vittima) e Sabrina Misseri (la cugina). 

 

Ultimo aggiornamento: 18:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA