«Sono in questura, ora mi portano in galera»: pubblica sui social il selfie dell'arresto

«Sono in questura, ora mi portano in galera»: pubblica sui social il selfie dell'arresto
Appicca un incendio e viene arrestato: si fa un selfie in questura e lo comunica all’intero mondo “social” di Facebook. Protagonista Sergio Verzi, 50enne di Cortina d'Ampezzo (Belluno), già titolare del pub “Carrera” dell’omonima via in pieno centro a Belluno e già noto alle forze dell’ordine e alle cronache giudiziarie. L’uomo ha confessato proprio su Facebook di aver dato fuoco alla roulotte incendiata sabato intorno alle 16.30 in via Simon da Cusighe, al civico 14. Era stato lì ad aspettare gli agenti, praticamente, dopo aver appiccato il rogo.

È scattato così l’arresto in flagranza. E mentre la Procura e la Questura mantengono da giorni il massimo riserbo sull’episodio e sull’arresto avvenuto sabato, non rispondendo nemmeno alle domande della stampa, è lui stesso a dare la notizia tramite il “post” pubblicato prima dell’arresto.
Giovedì 21 Marzo 2019, 17:21 - Ultimo aggiornamento: 21-03-2019 17:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-03-22 13:49:23
Ecco come ci stanno riducendo i social; persone inutili che si credono in un reality 24 ore al giorno ma che alla fine soffrono di solitudine....

QUICKMAP