Sergio Staino ricoverato, migliorano le condizioni del vignettista. In coma farmacologico all'ospedale di Firenze per problemi neurologici

Le fonti mediche fanno sapere che non sarebbe in pericolo di vita

Sergio Staino ricoverato in ospedale a Firenze
Sergio Staino ricoverato in ospedale a Firenze
Lunedì 7 Novembre 2022, 11:41 - Ultimo agg. 8 Novembre, 13:49
3 Minuti di Lettura

Un leggero miglioramento per Sergio Staino, vignettista e disegnatore di 82 anni, ricoverato in terapia intensiva all'ospedale Torregalli di Firenze. L'ex direttore de "L'Unità" era entrato al nosocomio domenica 31 ottobre per una patologia neurologica accompagnata da un coma profondo. Secondo quanto fa sapere la Asl Toscana Centro, che ha diffuso un bollettino, nelle ultime ore è stato osservato un miglioramento per cui il paziente, pur rimanendo sedato, sta uscendo dal coma.

La carriera dello storico vignettista 

Originario di Piancastagnaio, in provincia di Siena, Staino è il papà del personaggio Bobo, pubblicato per la prima volta nel 1979 sulla rivista "Linus" diretta da Oreste Del Buono. Collaboratore de "Il Messaggero", il vignettista ha proseguito la carriera a "L'Unità", giornale in cui ha ricoperto il ruolo di direttore nel 2016 e nel 1017, mantenendo la carica fino alla chiusura. A lui si riporta la fondazione del giornale satirico Tango, diventato nel 1987 un programma di Rai 3, Teletango.

Dopo aver pubblicato per diversi anni le sue vignette su "La Stampa", nel 2018 inizia a collaborare con "Avvenire", il sito "Tiscali Notizie" e "Il Riformista".

In una sua recente intervista all’Huffington Post aveva espresso un certo rammarico le spaccature all'interno del partito dei Dem: «Mi fa male vedere il Pd diviso nelle piazze della pace. Conte? Oggi è pacifista, domani chissà. Dal mio punto di vista, è disumano rifiutarsi di correre in soccorso di chi chiede armi per difendersi dall’invasione».

Il tweet di Letta

«Forza Sergio Staino forza!». Così Enrico Letta, segretario del Pd, su Twitter commentando la notizia del
ricovero del vignettista in ospedale a Firenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA