Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, Speranza: «Oggi in cdm ulteriori scelte sull'emergenza Covid»

Martedì 14 Dicembre 2021
Stato d'emergenza, Speranza: «Oggi prenderemo ulteriori decisioni»

«Oggi in Cdm ci saranno ulteriori scelte sull'emergenza che stiamo vivendo». Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, al seminario "La casa come primo luogo di cura del cittadino. L'accreditamento delle cure domiciliari e delle Reti di cure palliative". «L'epidemia continua ad essere un problema reale, concreto con cui fare i conti. Certo abbiamo strumenti che un anno fa non avevamo, a cominciare dai vaccini», ha detto il ministro. Per difendersi dall'ultima mutazione del virus, Speranza ha consigliato: «Le terze dosi sono ancora più importanti per fronteggiare la variante Omicron, lo stiamo vedendo dai dati che arrivano».

Speranza: «Oggi in cdm ulteriori scelte sull'emergenza Covid»

«Sono ore non semplici. È convocato per oggi un Consiglio dei ministri in cui probabilmente ci saranno ulteriori scelte relative anche all'emergenza che è ancora in corso in questo Paese».

«Stiamo vivendo un momento davvero cruciale della storia del nostro Servizio sanitario nazionale. E abbiamo due sfide». Una è quella di aprire una «stagione di riforme» per il Ssn, ha ricordato il ministro, ma «la prima non può che essere ancora la gestione del Covid».

«Sarebbe un'illusione pensare che possiamo guardarla come una cosa del passato - ha puntualizzato Speranza - è un qualcosa del presente, come ci dicono i numeri che arrivano ogni giorno non solo dalla stragrande maggioranza dei Paesi europei e del mondo, ma anche dalle nostre regioni. Sono numeri in crescita ormai costante da diverse e numerose settimane, numeri che ci segnalano un'epidemia che continua a essere un problema molto reale e concreto con cui fare i conti».

Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre, 11:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA