Zona rossa Bolzano, zone arancioni confermate per Basilicata, Liguria e Umbria. Speranza firma l'ordinanza

Martedì 24 Novembre 2020
Spostamenti e Covid, Speranza: zona arancione confermata per Basilicata, Liguria e Umbria, Zona rossa per Bolzano

Zona arancione confermata per Basilicata, Liguria e Umbria, lo stesso vale per la zona rossa della provincia autonoma di Bolzano. E' il ministro della Salute, Roberto Speranza, ad avere firmato la nuova ordinanza con cui si rinnovano le misure restrittive. L'ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 3 novembre 2020. Dopo lo screening di massa l'Alto Adige, ha invece revocato il lockdown totale, che andava oltre le misure previste per le zone rosse. «Lunedì 30 novembre riaprono i negozi, i mercati, come anche i parrucchieri ed estetisti. Riprende la didattica in presenza per la prima media», ha annunciato il governatore Arno Kompatscher. Il 4 dicembre , ha aggiunto, apriranno tutte le scuole, come anche bar e ristoranti. I dati epidemiologici sono in miglioramento e farà presa l'isolamento dei 3.400 asintomatici trovati con lo screening.

Lo scenario delle zone anti Covid

 

 

 

 

 

 

 

Basilicata, Liguria e Umbria restano in arancione (rischio medio-alto e scenario 3 con situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa con rischi di tenuta del sistema sanitario nel medio periodo), mentre la Provincia Autonoma di Bolzano in area rossa relativa allo scenario 4 (situazione di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario nel breve periodo). Il rinnovo odierno delle fasce di rischio è relativo alle ordinanze del 10 novembre scorso.

 

Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 08:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA