«Sono stata stuprata»: confessione choc di una turista ai medici del Pronto soccorso di Gallipoli. Scattano le indagini

Lunedì 3 Agosto 2020
Un sospetto caso di violenza sessuale è stato segnalato a Gallipoli, dove giorni fa la serenità dei vacanzieri è stata interrotta dalle violente risse scatenatesi fra nutriti gruppi di turisti. Una giovane donna dolorante ha chiesto aiuto ai militari della compagnia gallipoli, che ora hanno il delicato compito di ricostruire l'accaduto. 

Rissa a colpi di cinghie e coltelli, denunciati 28 turisti: 10 sono minorenni. Nei guai anche i gestori delle case-vacanza a Gallipoli

La donna, una turista proveniente da un'altra regione italiana, è stata presa in carico dai medici del Pronto soccorso dell'ospedale Sacro Cuore per forti dolori al basso ventre. Ed è lì, fra le cure degli operatori sanitari, che ha dichiarato di essere stata vittima di stupro. I carabinieri gallipolini, agli ordini del comandante Francesco Battaglia, dovranno ora chiarire l'accaduto: la sospetta violenza sarebbe avvenuta a Baia Verde. La turista, la cui testimonianza è stata già raccolta dai militari, è sotto choc.  Ultimo aggiornamento: 16:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA