Termini choc, ambulante strappa la mascherina a una donna e la bacia prima di fuggire via

Martedì 12 Gennaio 2021
Termini, strappa la mascherina a una donna e la bacia prima di fuggire via: condannato

Ha colto di sorpresa una donna, strappandole la mascherina e baciandola contro la sua volontà. Poi è fuggito, dileguandosi nel viavai di romani davanti alla stazione Termini. Un 30enne romeno, venditore ambulante, è però stato identificato, processato e condannato a distanza di mesi dall'accaduto.

 

Leggi anche > Mascherina abbassata al supermercato, scatta la rissa con botte e schiaffi: cassiere e cliente all'ospedale

 

LA VIOLENZA

I fatti risalgono allo scorso agosto: come riporta Il Messaggero, l'uomo ha baciato a tradimento una donna che era appena scesa da un treno e poi è fuggito. La violenza si sarebbe consumata nel tratto che porta dall'interno della stazione Termini all'uscita di via Marsala. Il 30enne si era avvicinato alla donna con la scusa di volerle vendere dei santini e improvvisamente ha baciato la donna che, terrorizzata per la violenza subita e per il timore di poter contrarre il Covid, ha iniziato a urlare. A quel punto, il venditore ambulante si è dileguato nelle vie adiacenti alla stazione.

 

LE INDAGINI

In soccorso della donna sono intervenuti subito i carabinieri, che però non sono riusciti a raggiungere il molestatore. Dopo aver ascoltato il racconto della vittima, i militari si sono messi sulle tracce dell'uomo, individuato poco dopo. Il 30enne aveva negato categoricamente di aver molestato la donna, ma gli investigatori hanno acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza che avevano ripreso l'accaduto e confermato la versione della vittima. A quel punto, per il venditore ambulante è scattato l'arresto.

 

LA CONDANNA


A distanza di cinque mesi, l'uomo è stato processato. Il giudice ha accolto la sentenza del pm, Antonio Verdi, condannando il 30enne a un anno e quattro mesi per violenza sessuale.

Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA