Terni, fiumi di soldi nei festini a base di sesso e droga: «Mario pagava la cocaina 100 euro al grammo»

Domenica 2 Agosto 2020 di Nicoletta Gigli
Terni, fiumi di soldi nei festini a base di sesso e droga: «Mario pagava la cocaina 100 euro al grammo»

TERNI - Rami vive in città da clandestino e con la droga guadagna cifre da capogiro. Al punto che in un mese riesce a far recapitare alla sorella che vive in Spagna qualcosa come ventimila euro. Per la legge è incensurato in quanto non ha una condanna definitiva ma è una vecchia conoscenza delle forze di polizia e della procura. E' uscito dal carcere di Sabbione il 20 marzo scorso dopo un arresto per spaccio di stupefacenti. Ha ignorato i provvedimenti d'espulsione del questore, resta qui da irregolare ma nonostante questo riesce pure ad avere una casa.

Coronavirus, sei nuovi contagiati, tra loro anche bimbo di 14 giorni. Le storie

Tre famiglie umbre e un ex consigliere si salvano per miracolo da rogo di un residence a Montalto Marina. Il racconto

Spaccio di cocaina

I carabinieri impegnati nell'indagine Picasso accerteranno numerosi episodi di spaccio di cocaina ma lui, che gira da una parte all'altra della città in sella alla bicicletta, è sempre attento a portare con sé solo la dose da consegnare. In tasca ha solo una dose per volta, perché vuole garantirsi l'impunità grazie al consolidato escamotage della modica quantità. Anche a casa non tiene un granché. Il 28 maggio, dopo l'ennesima cessione, i militari perquisiscono l'appartamento dove vive il giovane pusher, in via Eugenio Chiesa, e trovano solo 5 grammi di cocaina. Oltre a un taglierino, un bilancino, una busta usata per confezionare le dosi e 370 euro in contanti. E poi la ricevuta di quel bonifico bancario estero di 5mila euro rilasciata dal Monte dei Paschi di Siena con ordinante Mario Conti.

La testimonianza

Nelle carte d'accusa dell'inchiesta che ha portato all'arresto di Rami e di altri tre ternani per spaccio per aver abbandonato in mezzo alla strada il 30enne ternano, in fin di vita dopo un'overdose causata dalla droga dello stupro, emergono le frequenti visite del pusher marocchino a casa di Mario: «Il pomeriggio del 26 aprile è venuto anche un marocchino che si fa chiamare Rami - dirà la vittima dell'overdose che risale a quella sera - e che gli ha portato anche lui 5 grammi di cocaina, facendogliela pagare sempre 100 euro al grammo. Nell'arco dei due mesi che ho pernottato lì, Rami è venuto a portare la cocaina dieci volte e ogni volta ha portato 5 grammi, facendoli pagare 500 euro. So che ha chiesto a Mario di fargli un favore, e cioè di fargli per conto suo un bonifico di 5mila euro su un suo conto estero. Rami ha giustificato dicendo a Mario che quei soldi servivano a sua sorella, e che lui non glieli poteva mandare perché non aveva i documenti necessari a fare un bonifico su conto estero. Ricordo che in quell'occasione Mario ha anche chiesto a Rami dove avesse preso tutti quei soldi e lui gli ha risposto che erano il frutto del suo lavoro».

L'ordinanza

Firmando le ordinanze di custodia cautelare, il gip, Simona Tordelli, quanto al marocchino, ci tiene a sottolineare che «il giudice non deve solo prendere in considerazione il quantitativo della singola cessione, che ben può essere modesto, ma deve operare una valutazione globale della condotta tenuta dall'indagato e in particolare la sua diffusività (ovvero il numero degli acquirenti) la sua risalenza nel tempo, la capacità di approvvigionamento in relazione alle continue richieste degli utenti, tale da poter escludere che si tratti di attività saltuaria e casuale».

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 09:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA