Roma, strupro a Testaccio. Parla la vittima: «Prima i complimenti, poi mi ha trascinata via»

Giovedì 23 Luglio 2020 di Marco De Risi e Camilla Mozzetti

Quando le hanno dato un bicchiere d’acqua per cercare di calmarla, Carla (la chiameremo così) l’ha fatto cadere in terra. Le sue mani tremavano, il suo volto era una maschera di lacrime e polvere. Non riusciva a parlare. Poi la voce a poco a poco è iniziata a uscire di fronte agli agenti di polizia delle Volanti e con la madre: «Da qualche giorno mi faceva delle avances poi l’ho incontrato per strada, mi ha preso per un braccio e mi ha trascinato via». A verbale la ragazza, 20 anni da compiere a breve, ricostruisce gli attimi di martedì pomeriggio quando, in pieno giorno, Massimiliano 50 anni uno dei dipendenti del supermercato “Pewex” di via Nicola Zabaglia l’ha fermata in piazza e con una scusa l’ha afferrata per un braccio e portata dietro le sedie accatastate di una nota pizzeria del quartiere.

LEGGI ANCHE Roma, violenta 20enne in strada a Testaccio 

«Si è abbassato i pantaloni» costringendola a «un rapporto orale» prima di tentare anche «un rapporto completo». La ragazza è riuscita a fuggire, a gridare, un testimone confermerebbe le sue parole anche se altri residenti del quartiere ricostruiscono lo scenario di una molestia in strada avvenuta senza rapporti sessuali non distante dal supermercato. Carla è corsa via, si è rifugiata nel bar dove lavora da qualche tempo: «Mi ha preso di forza, non sono riuscita a liberarmi». Poco dopo è stata accompagnata all’ospedale San Camillo e al pronto soccorso ginecologico è stata sottoposta a tutti i controlli e le analisi di rito, tamponi compresi i cui esiti arriveranno nei prossimi giorni. L’uomo intanto si stava dirigendo verso il supermercato quando è stato bloccato prima da alcuni cittadini e poi dagli agenti di polizia. Con precedenti alle spalle, una moglie e due figli adolescenti che lo aspettavano ad Acilia, è stato arrestato per tentata violenza sessuale e condotto nel carcere di Regina Coeli dove è tuttora rinchiuso in attesa dell’interrogatorio di convalida. Oggi pomeriggio la ragazza, assistita dall’avvocato Remo Pannain, sarà di nuovo ascoltata dalla polizia e anche il suo legale potrà avere un quadro più chiaro di quanto accaduto giacché per il momento Carla, sotto choc, non è riuscita a parlare con altri se non con gli agenti intervenuti a Testaccio martedì pomeriggio e con la madre.

LEGGI ANCHE Ostia, amico di famiglia abusa di una bimba 

A lei ha detto che l’uomo, che pure entrava spesso nel bar dove lavorava per un caffè e che mai le aveva rivolto la parola, da qualche giorno aveva iniziato a manifestarle delle avances. Sia quando la giovane si recava al supermercato per fare la spesa ed esser servita da Massimiliano, impiegato nel settore gastronomia e affettati, sia quando i due si incontravano accidentalmente per strada. L’uomo finora non ha detto nulla. Chi lo conosce sa bene i suoi trascorsi con la giustizia ma non aveva mai dato problemi al quartiere e ai clienti del supermercato. «Non so cosa gli sia passato per la testa - spiega il direttore del “Pewex” - ma di certo non era in servizio in quel momento». Gli altri dipendenti si dividono tra chi preferisce non parlare, perché martedì non era in servizio, e chi invece dice: «È una cosa spaventosa quello che ha fatto». A favore degli investigatori e della Procura ci sono le immagini di alcune telecamere di sorveglianza che inquadrano il luogo dove la ragazza ha denunciato la violenza mentre non è da escludere che venga nuovamente ascoltato l’uomo che per primo ha soccorso Carla.

Ultimo aggiornamento: 13:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA