Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giulio annuncia il suicidio su Instagram e si butta sotto il treno su cui viaggiava la mamma

Giovedì 3 Febbraio 2022
Torino, Giulio annuncia il suicidio su Instagram e si lancia sotto il treno su cui viaggiava la madre

Ha annunciato il suicidio su Instagram. Poi, pochi minuti dopo, ha telefonato a sua madre e, mentre la chiamata era ancora attiva, si è lanciato sotto un treno di passaggio in stazione, a bordo del quale stava viaggiando la donna. Il dramma di Giulio Massimo, 19 anni appena, si è consumato in provincia di Torino.

 

Leggi anche > Torino, bimbo di un anno e mezzo precipita dall'ottavo piano e muore. Si era arrampicato sul divano

 

Dai post e dalle storie social del ragazzo emerge un fortissimo disagio esistenziale. «D’ora in poi non uscirò più di casa perché non so farmi rispettare», si legge nei post di Giulio, travolto e ucciso dal treno ieri alla stazione di Carmagnola. L'ultimo contenuto era una storia, una foto scattata ad alcuni controllori che, dopo averlo scoperto senza biglietto, lo avevano allontanato dal treno: «I soldi non ve li do anche se mi fate scendere».

 

A quel punto, Giulio, nato a Parigi e cresciuto con la mamma a Cuneo, è uscito dalla stazione per poi raggiungere i binari. Qui, alle 18, si è lanciato sotto il treno in arrivo da Torino e diretto a Savona, su cui stava viaggiando proprio sua madre. Come riporta il Corriere della Sera, il macchinista del treno ha spiegato agli agenti della Polizia ferroviaria che la donna, dopo l'investimento, aveva detto: «Speriamo non sia mio figlio». Un terribile presentimento, confermato poco dopo, quando la donna ha dovuto riconoscere il corpo del figlio. Il cellulare è stato trovato quasi subito, per ritrovare i documenti c'è voluto più di un'ora.

Ultimo aggiornamento: 18:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA