Torino, uccide madre e padre a coltellate: fermato in strada, aveva le mani ancora sporche di sangue

Martedì 14 Luglio 2020

Ha ucciso sua madre e suo padre l'uomo di 30 anni fermato ieri sera a Collegno, nel Torinese, in stato confusionale e con le mani sporche di sangue. Lo hanno accertato i Carabinieri che lo stanno interrogando presso la caserma di Rivoli. Il fermato, di origine italiana, avrebbe usato un coltello da cucina per colpire i genitori, Giuseppina Valetti di 60 anni e Pierfrancesco Ferrero di 69, nell'abitazione in cui viveva con loro a Mirafiori, quartiere di Torino dove il Nucleo investigativo del Comando provinciale dell'Arma ha trovato i due cadaveri. Sono in corso le indagini del Nucleo investigativo per stabilire il movente del duplice omicidio. 

Matera, la nipote uccide il nonno con 26 coltellate e 11 colpi di bastone: lite per motivi economici

Dai primi accertamenti dei carabinieri del Comando provinciale di Torino, nel pomeriggio di ieri il giovane al culmine di un litigio per futili motivi, avrebbe accoltellato a morte i genitori che si erano recati nella sua abitazione per fargli visita.  Dopo il delitto l'uomo sarebbe rimasto qualche ora sul posto per poi iniziare a vagare senza meta a bordo autovettura della madre, prima di venire  rintracciato in strada dai militari. Sino ancora in corso i rilievi nell'appartamento dove sono  state trovate le vittime e dove sono stati sequestrati 8 coltelli da cucina.

Ultimo aggiornamento: 14:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA