Treno deragliato, chi sono i macchinisti morti:
il casertano Mario e il calabrese Giuseppe

Giovedì 6 Febbraio 2020
Treno deragliato, chi sono i macchinisti morti: Giuseppe Cicciù di 51 anni e Mario Di Cuonzo di 59 anni

Questa mattina intorno alle 5.30 un treno Frecciarossa è deragliato sulla Linea Alta Velocità nei pressi della stazione di Livraga, provincia di Lodi: a bordo una trentina di passeggeri. Ad avere la peggio due macchinisti, Giuseppe Cicciù di 51 anni e Mario Di Cuonzo di 59 anni, che hanno perso la vita. 27 i feriti, due dei quali trasportati in ospedale in codice giallo. Il più grave ha una gamba fratturata. 

Leggi anche > Morti due ferrovieri, 30 feriti. Motrice su una palazzina
 

 

Il Gruppo Fs Italiane e tutti i ferrovieri esprimono profondo cordoglio per il decesso dei due colleghi macchinisti del treno alta velocità 9595 Milano - Salerno Il Gruppo FS Italiane è vicino ai familiari dei colleghi offrendo il massimo supporto a loro e a tutte le persone coinvolte nell'incidente di stamattina. 

Leggi anche > La lista dei treni cancellati. Caos e ritardi sulla linea

Sul suo profilo Facebook Giuseppe, originario di Reggio Calabria, condivideva spesso post riguardo il suo lavoro e anche iniziative benefiche: qualche mese fa un post in occasione di 'Frecciarosa', l'iniziativa di Trenitalia per sensibilizzare sulla prevenzione per quanto riguarda le malattie che colpiscono le donne. «La prevenzione è da sempre l'arma migliore», scriveva. 
 



 

Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 06:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA