Morti due scialpinisti dispersi sull'Ossola, impiegati nelle ricerche oltre 50 soccorritori

Domenica 17 Gennaio 2021
Morti due scialpinisti dispersi sull'Ossola, impiegati nelle ricerche oltre 50 soccorritori

Sono stati trovati morti nelle ultime ore i due sci alpinisti dispersi nella conca alpina a 1600 metri a Devero, in alta Ossola (VCO). I corpi, di un uomo e una donna, entrambi lombardi, sono stati ritrovati a circa 2.200 metri di quota, nella zona sopra l'alpe di Crampiolo.

Climber, lo stesso (crudele) destino dei fratelli Hofer: una vita durata solo 27 anni

Di loro si erano perse le tracce ieri: avrebbero dovuto pernottare in una baita ma questa mattina non sono stati visti ed è stato dato l'allarme. Le ricerche del Soccorso alpino hanno visto l'impiego di oltre 50 soccorritori. Il tragico rinvenimento dei corpi senza vita dei due sci alpinisti è avvenuto anche grazie al cellulare di uno dei due che risultava acceso. Sono morti uniti nella loro passione per l'alpinismo Erica Mosca 52 anni e Lorenzo Landenna 51 anni, lei farmacista di Samarate (Varese), lui professionista milanese, i cui corpi sono stati rinvenuti oggi a Devero, in alta Ossola. Mosca, che da anni gestiva la farmacia di famiglia nel suo paese del varesotto, lo scorso anno era stata protagonista di una rapina durante la quale era riuscita a mettere in fuga il malvivente che l'aveva minacciata, arrivando a rincorrerlo per strada. «La città è in lutto, abbiamo perso una persona speciale, sempre pronta ad aiutare tutti, un punto di riferimento per il volontariato e la comunità», ha dichiarato all'Ansa il sindaco di Samarate Enrico Puricelli. «Andare in municipio e vedere la farmacia chiusa sarà un dolore ancora più grande. L'unica amara consolazione è che sia morta facendo la cosa che amava di più», ha aggiunto.

Ultimo aggiornamento: 18:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA