Truffa alle poste con falsa identità:
napoletana arrestata a Bologna

Mostrando documenti falsi, ha tentato di spacciarsi per un'altra donna e incassare 900 euro, ma la differenza d'età ha insospettito i funzionari dell'ufficio postale che hanno chiamato la Polizia. A tentare la truffa, ieri mattina alle Poste di via Caduti di Casteldebole, periferia di Bologna, è stata R.F., 43enne napoletana, arrestata per possesso di documenti di identificazione falsi, e denunciata anche per uso di atto falso, tentata truffa, ricettazione e sostituzione di persona. Allo sportello ha mostrato un foglio dell'Agenzia delle Entrate, risultato autentico, per la riscossione di 900 euro a titolo di rimborso. Per farsi identificare ha esibito un codice fiscale e una carta d'identità sulla quale c'era la sua foto, con i dati anagrafici della destinataria del rimborso, una donna di 32 anni. L'addetta ha notato che la persona che aveva di fronte sembrava avere qualche anno in più e ha avvertito la direttrice, che ha chiamato il 113. Quando ha capito di essere stata smascherata, la 43enne ha tentato di scappare, prendendo sotto braccio un anziano con cui ha finto allontanarsi. Davanti all'ufficio però erano già arrivati gli agenti, che l'hanno bloccata. La donna era stata già stata arrestata lo scorso ottobre dai carabinieri a Reggio Calabria per truffa e sostituzione di persona.
Venerdì 9 Febbraio 2018, 16:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP