Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Truffa gli ex compagni di scuola di Milano con falsi investimenti. Matteo Orrù condannato a 3 anni e 4 mesi

Giovedì 9 Giugno 2022
Truffa gli ex compagni di scuola con falsi investimenti. Matteo Orrù condannato a 3 anni e 4 mesi

Come nel film cult di Verdone. Ha ricontattato i suoi ex compagni di scuola e poi li ha truffati con false operazioni immobiliari. Totale: 230mila euro sottratti a cinque amici del liceo Carducci di Milano. L'imprenditore immobiliare Matteo Orrù, 51 anni, è stato per questo condannato a 3 anni e 4 mesi. 

Come nel film di Verdone

E pensare che le vittime inconsapevoli erano felici per suoi affari. Poi, l'amara scoperta. Come nel film di Carlo Verdone, Compagni di Scuola,  quando Walter Finocchiaro, commerciante di carni ricco e spaccone, interpretato da Angelo Bernabucci, scopriva che qualcuno durante la rimpatriata gli aveva sottratto 400mila lire. Qui, si è andati oltre: «Lo conosco da metà degli anni '80, quando ci incontrammo sui banchi di scuola e rimanemmo poi amici», ha messo a verbale una delle vittime del presunto raggiro. Parlava di Matteo Orrù, 51 anni, milanese, che recuperando piano piano, anche attraverso i social, storiche amicizie o conoscenze dei tempi del liceo Carducci, scuola della Milano bene, si era prima vantato degli «affari immobiliari» che aveva messo in piedi e poi ne aveva proposti alcuni proprio ai suoi ex compagni.

Gli affari diversificati

In cinque si sono fidati in tempi e momenti diversi, tra il 2015 e il 2018. A metà 2017, è scritto in una delle denunce, «mi propose di partecipare ad un'operazione immobiliare» e «mi convinse a partecipare asserendo che avrei tratto un buon profitto». E ha aggiunto: «Ero pure felice nel vedere il mio vecchio amico avere successo imprenditoriale». In quel gruppo di ex compagni di scuola, come risulta dagli atti dell'inchiesta del pm Francesco Cajani, c'è chi gli ha bonificato fino a 50mila euro per un presunto affare di ristrutturazione e vendita di un palazzo in via De Amicis. Un altro gli ha versato 20mila euro per entrare in una società di prodotti «cosmetici», come la presentava lui, e un altro gli ha messo in mano 5mila euro per prendere parte «a speculazioni finanziarie», senza rivedere un soldo.

Il presunto truffatore era già noto

Dalle amicizie alle denunce. «Ho appreso da mia sorella, a sua volta vittima di una truffa perpetrata da Orrù, che vi sarebbero numerosi altri soggetti che hanno subito la mia stessa sorte», ha raccontato uno dei cinque raggirati, rappresentati come parti civili dall'avvocato Franco Silva. Delle vicende del presunto truffatore si era occupata già due anni fa anche la trasmissione tv Le iene. Il 6 maggio scorso è arrivata la sentenza dell'undicesima sezione penale di Milano con la condanna a a 3 anni e 4 mesi.

 

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 07:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA