Turista austriaca di 18 anni violentata a Como: «Ha abusato di me per due ore»

L'allarme al numero unico di emergenza 112 è arrivato alle 4.45 dell'altra notte

Turista austriaca di 18 anni violentata a Como: «Ha abusato di me per due ore»
Turista austriaca di 18 anni violentata a Como: «Ha abusato di me per due ore»
Martedì 11 Luglio 2023, 09:03 - Ultimo agg. 14:00
2 Minuti di Lettura

Una turista austriaca di 18 anni ha denunciato di essere stata violentata la notte tra domenica e lunedì nella zona del lungolago di Como.

La Russa jr, domani la ragazza dai pm sul caso della violenza sessuale. Identificato il deejay

Cosa è successo

Come riportano i quotidiani comaschi, è rientrata sconvolta nella stanza del bed & breakfast che condivideva con un'amica. Secondo i quotidiani, la denuncia della ragazza «è stata presa molto sul serio» dagli investigatori dalla Questura e il suo racconto è ritenuto «assolutamente credibile».

L'allarme

L'allarme al numero unico di emergenza 112 è arrivato alle 4.45 dell'altra notte.

All'operatore è stato subito detto che una ragazza aveva subito un'aggressione a sfondo sessuale. Un'ambulanza della Croce Rossa ha così raggiunto la stanza dove si trovava la turista e l'ha portata al pronto soccorso dell'ospedale Sant'Anna. Qui la vittima della violenza è stata visitata e nonostante lo choc ha cercato di raccontare quanto le era accaduto.

Il racconto

Domenica sera lei e l'amica erano uscite per una passeggiata sul lungolago e avevano trascorso la serata in un locale cittadino, dove avrebbe incontrato e la persona che poi l'avrebbe violentata. Mentre l'amica sarebbe rientrata nella stanza prima, la diciottenne si è attardata fino all'orario di chiusura. Poi sarebbe stata in balia del suo aguzzino per due ore. La Procura di Como ha incaricato la sezione soggetti deboli della Questura a indagare sul caso. Una volta dimessa dall'ospedale, ieri la ragazza è rimasta a lungo negli uffici della polizia con l'assistenza di personale specializzato nell'aiuto psicologico di donne vittime di violenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA