Turista danese violentata a Rimini da ambulante del Bangladesh già denunciato tre volte per stesso reato a Terracina e Terni

ARTICOLI CORRELATI
16
  • 1244
Ancora uno stupro in una località balneare, ancora una violenza sessuale a Rimini. Una turista danese di 26 anni è stata violentata domenica all'alba, a Rimini, da un 37enne venditore ambulante di rose originario del Bangladesh. Nel giro di 24 ore, i carabinieri lo hanno individuato e arrestato.

LEGGI ANCHE: Turista 20enne stuprata in hotel a Rimini: indagati due allievi poliziotti bresciani
LEGGI ANCHE: Ragazza stuprata a Jesolo, ecco chi è Mohamed: ex calciatore e criminale "con famiglia"
LEGGI ANCHE: Pescara, donna stuprata alla Stazione: arrestato senegalese
LEGGI ANCHE: Firenze, ragazza sedicenne in lacrime: «Picchiata da due uomini che hanno tentato di stuprarmi al parco»


È stata un'indagine lampo, quella che lunedì ha portato i Carabinieri sulle tracce del cittadino del Bangladesh, 37 anni, venditore ambulante di rose, (L. M. M.) già noto appunto alle forze dell'ordine per i suoi precedenti anche specifici. Lo straniero era stato già denunciato tre volte per violenza sessuale: due nei confronti di maggiorenni e una nei confronti di una minorenne. Episodi avvenuti, nell'ordine, a Terracina (Latina), Terni e Rimini

Proprio questi fatti hanno spinto l'amministrazione comunale, oltre a esprimere «la propria totale solidarietà e vicinanza» alla vittima a chiedere come mai girasse «libero e indisturbato un cittadino straniero che a proprio carico pare avesse più di un precedente riguardo violenze verso le donne e perché, se così fosse, non era in carcere?»

Nel corso della notte, tra domenica e lunedì, ad ogni modo il 37enne è stato sottoposto a fermo, indiziato di delitto per il violenza sessuale sulla turista danese che, dopo aver passato la sera in giro per i locali in compagnia del fidanzato stava tornando in hotel. Era sola perché aveva appena litigato col ragazzo, un giovane connazionale. Stando alla ricostruzione fatta dagli inquirenti, alle 5.30 di domenica scorsa l'uomo, in viale Regina Margherita, ha notato la donna camminare da sola e in sella ad una bici, dopo averle fatto qualche complimento, le si è avvicinato saltandole addosso e usandole violenza sessuale.

Alle urla della ragazza, il bengalese è scappato venendo però visto dal cliente di un bar della zona. La turista, in stato di choc, si rifugiava proprio in quel bar per chiedere aiuto. Sul posto sono arrivati subito i Carabinieri. I militari, sebbene la giovane abbia rifiutato il ricovero medico, riservandosi di formalizzare in un secondo momento la denuncia, hanno avviato le indagini, acquisendo dalla vittima la prima descrizione dell'aggressore e raccogliendo la testimonianza di un cliente del bar.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Davide Ercolani, si sono immediatamente focalizzate sul bengalese, che è solito frequentare la zona per vendere fiori finti. Nel corso della notte di lunedì, gli agenti dell'Arma hanno rintracciato proprio in viale Regina Margherita l'uomo, riconosciuto senza ombra di dubbio dalla vittima. Questa mattina il Gip del tribunale di Rimini, Lucio Ardigò, ha convalidato il suo arresto per violenza sessuale. 
Mercoledì 29 Agosto 2018, 15:11 - Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 12:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-08-30 14:34:12
Terni, Rimini e Terracina è proprio un ambulante dello stupro
2018-08-30 10:20:28
Uno straniero che fa ambulante per strada (senza pagare tasse) e commette un qualsiaisi reato anche criminale dovrebbe essere espulso dall'Italia. Quando mai mica sono reati questi!!! Questi sono privilegi che il PD ha concesso loro per accoglierli in Italia mentre il resto dell'Europa non li voleva accogliere. Loro possono fare di tutto dalla vendita delle rose alla vendita di borse contraffatte, anche sotto gli occhi della polizia e della guardia di finanza, possono circolare per strada con auto di grossa cilindrata senza pagare bollo e assicurazione, possono masturbarsi senza problemi per strada, possono fare il bagno nudi sulla spiaggia incuranti del fatto che sulla spiaggia ci sono centinaia di persone tra le quali anche bambini e bambine, possono stuprare 4 volte le donne prima di essere arrestati e poi scarcerati dopo una settimana perchè il fatto non sussiste. Capite quanti PRIVILEGI che hanno loro rispetto a noi. L'unica differenza sta nel fatto che se noi italiani pensassimo solo di fare una qualsiasi cosa che fanno loro ci arresterebbero ancor prima iniziare buttando via la chiave. Mentre loro restano impuniti. Ma vuoi vedere che alla fine siamo noi gli Immigrati e gli immigrati sono diventati Italiani. A carn a sott e maccarun a copp. A questo schifo ci ha portato il PD
2018-08-30 09:50:46
violentata tre volte ?? ma questa turista danese selo andava cercando per Rimini questo cingalese?
2018-08-30 06:25:04
purtroppo questa è la giustizia e i giudici che ci ritroviamo......urge riforma
2018-08-30 06:11:49
SALVINI SANTO SUBITO

QUICKMAP