Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, turista norvegese massacrata di botte a Campo de' Fiori: ha rifiutato le avances. I testimoni: «Una maschera di sangue»

I due facevano parte dello stesso gruppo arrivato a Roma per una breve vacanza

Domenica 7 Agosto 2022 di Marco De Risi e Giampiero Valenza
Roma, molesta turista norvegese a Campo de' Fiori e la massacra di botte. Testimoni: «Una maschera di sangue»

Lui ci prova, si fa sempre più insistente, e lei risponde picche. Ma a questo non ci sta e scoppia in una furia assurda tanto da massacrarla di botte. Una storia tutta nata dallo stesso gruppo di amici che aveva deciso, dalla Norvegia, di trascorrere quest’estate un breve soggiorno a Roma
La sventura ha come protagonista una ventenne norvegese che ora è ricoverata all’ospedale Santo Spirito e ne avrà per più di un mese prima di guarire, con i medici specializzati in chirurgia maxillofacciale che stanno cercando di capire come farle recuperare la funzionalità del naso e della mandibola. In pratica, è stata massacrata dallo stesso amico con il quale, magari, avrebbe portato a casa ricordi felici del loro soggiorno nella Città eterna. Il 21enne norvegese, originario dell'Iraq, è stato condannato a 8 mesi, pena sospesa.

Roma, picchia la fidanzata, due ragazzi provano a fermarlo: accoltellati all'uscita della discoteca dell'Eur. Lui riesce a fuggire

LA STORIA

La comitiva partita dalla Norvegia in direzione Roma era composta da quattro persone: oltre a lei, la vittima, una coppia di fidanzati e un altro ragazzo. Lui è stato individuato come l’aggressore. 
I fatti sono successi sabato, intorno alle 20.30, quando lui ha cominciato a prenderla a calci e pugni in vicolo delle Grotte, a Campo de’ Fiori. Sono stati alcuni passanti a cercare di soccorrere la ragazza mentre era riversa a terra sui sampietrini, in una pozza di sangue e che poi hanno chiamato un’ambulanza del 118 che l’ha trasportata in tutta fretta all’ospedale Santo Spirito. «L’ho vista che era una maschera di sangue, è impressionante quanto accaduto», ha raccontato un passante alle forze dell’ordine. La coppia di amici, una volta arrivati i carabinieri che si trovavano in servizio antimovida a piazza Farnese, hanno subito chiesto loro qualche dettaglio in più. Il ragazzo, a quel punto, ha preso lo smartphone e ha fatto vedere le immagini del ragazzo loro compagno di viaggio. Sono state necessarie poche ore, per i carabinieri, per individuarlo e arrestarlo: lo hanno sorpreso nello stesso luogo. Ha passato la prima notte in cella di sicurezza, in caserma, in attesa del processo per direttissima che si terrà oggi. L’accusa di cui dovrà rispondere è quella del reato di lesioni aggravate. Durante il processo si deciderà se potrà lasciare l’Italia e tornare in Norvegia o se dovrà restare a Roma. Le ferite, infatti, sono state tali e tante che i carabinieri hanno proceduto d’ufficio.

Uccisa a 9 anni a coltellate in strada, choc in Gran Bretagna. Due arresti

I DANNI

La ragazza ha subito, secondo quanto accertato dai medici dell’ospedale Santo Spirito dove è stata portata dall’ambulanza del 118, danni per 30 giorni di prognosi. Con il naso fratturato e la mascella distrutta, molto probabilmente dovrà essere protagonista di un delicato intervento chirurgico maxillofacciale per rimetterla in sesto.

Napoli, sfregiata a 12 anni, la mamma: «Mia figlia sotto choc, sognava solo di vivere come persona libera»

IL MOVENTE

L’aggressore, di 21 anni, è norvegese ma di origini irachene. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori il giovane avrebbe fatto diverse avance nei riguardi della ragazza, che però avrebbe risposto picche. Questo lo avrebbe fatto andare su tutte le furie e ha scatenato la sua ira prendendola a calci, pugni e schiaffi. 
La giovane ancora non riesce a parlare e a raccontare la sua versione dei fatti: le sue parole potranno invece essere utili ai carabinieri della stazione di Piazza Farnese e della compagnia Roma Centro per ricostruire tutti i momenti della vacanza della piccola comitiva e dare dettagli utili per individuare il corretto capo d’imputazione. Non si esclude, infatti, che ci possano essere dettagli in grado di ampliare lo spettro dei reati che possano andare ben al di là della lesione aggravata.

Ultimo aggiornamento: 9 Agosto, 09:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA