Teramo, moglie e figlia vanno a fare la spesa: lui si spara con un fucile da caccia e muore

Mercoledì 5 Gennaio 2022 di Tito Di Persio
Moglie e figlia vanno a fare la spesa, lui si spara con un fucile da caccia: morto

Un uomo, M.T. di 66 anni, approfitta dell’assenza e della moglie e figlia che erano andate a fare la spesa e si toglie la vita sparandosi con il suo fucile da caccia regolarmente detenuto. Il dramma ieri poco prima l’ora di pranzo a Castiglione Messer Raimondo (Teramo). M.T. non ha lasciato nessuna lettera ai famigliari per motivare il gesto. Anche se stando a quando si apprende, il 66enne in passato aveva dovuto affrontare – vincendo – un grave problema di salute, che comunque gli aveva lasciato alcuni problemi fisici e dolori.

Frosinone, trovato morto all’interno di una casa di appuntamenti: la notizia fa il giro della città

A lanciare l’allarme la cognata dopo aver sentito uno sparo provenire dal garage di casa del defunto. La donna è subito corsa, insieme ad alcuni vicini di casa, per capire cosa era successo e si è trovata davanti alla tragedia. Sul posto in poco tempo è arrivati un’ambulanza del 118 e una pattuglia dei carabinieri. I sanitari non hanno potuto far altro che constatare il decesso. Il pm di turno Francesca Zani ha disposto il sequestro dell’arma da fuoco e il trasferimento della salma all’obitorio dell’ospedale Mazzini di Teramo. L’uomo era un operaio di una ditta del luogo e da tutti descritto come una brava persona.

Ultimo aggiornamento: 18:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA