CORONAVIRUS

Virus, l'Usmaf annuncia: «Nessun tampone a chi arriva in aeroporto a Malpensa»

Giovedì 13 Agosto 2020
Virus, l'Usmaf annuncia: «Nessun tampone a chi arriva in aeroporto»

A Malpensa non si faranno tamponi per chi è in arrivo da Croazia, Grecia, Malta o Spagna e «questa la situazione è estendibile a tutta Italia, non ci sono - dicono fonti Usmaf - aeroporti dove si verificano accertamenti con tamponi, un meno di piccolissimi scali con 100 passeggeri al giorno, non certo i 6000 previsti nel periodo di Ferragosto tra Malpensa e Linate ».

VirusI tamponi - viene spiegato - non si possono fare perché a Malpensa c'è un posto di pronto soccorso e non un ospedale per la diagnostica. Al limite si potrebbe allestire una struttura vicino allo scalo insieme ad Ats, ma ci vorrebbe ovviamente del tempo, quindi la soluzione non viene vista come praticabile nell'immediato. Né tanto meno lo è quella di fare i tamponi in aeroporto, sempre con il supporto di Ats - dicono sempre fonti Usmaf - con il rischio di creare assembramenti e non lontano defluire velocemente i passeggeri in arrivo. Oggi Usmaf si è riunito in videoconferenza con tutti gli enti lombardi interessati alle attività aeroportuali proprio per discutere dell'ordinanza del ministro Speranza che prevede il tampone obbligatorio per chi arriva dalle 4 nazioni a rischio. «Ci ​​siamo confrontati e in aeroporto non possiamo eseguirli, come Usmaf - dicono dagli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera, direttamente dipendenti dal Ministero della Salute - non abbiamo nemmeno i test i nostro possesso ».

Ultimo aggiornamento: 18:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA