Strage di Viareggio, la Cassazione: «Rifare il processo a Moretti» L'ex ad di Rfi venne condannato a 7 anni per la morte di 32 persone

Mercoledì 2 Dicembre 2020
Strage di Viareggio, la Cassazione: «Rifare il processo a Moretti» L'ex ad di Rfi venne condannato a 7 anni per la morte di 32 persone

Strage di Viareggio: celebrare un nuovo processo di appello per Mauro Moretti, ex amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana ed ex ad di Ferrovie dello Stato: è quanto chiesto dal sostituto procuratore generale di Cassazione Pasquale Finiani all'udienza del processo che si svolge a porte chiuse davanti alla Quarta sezione penale della Suprema Corte per la strage di Viareggio avvenuta la notte del 29 giugno del 2009 e costata la vita a 32 persone. Per il pg deve essere annullata con rinvio la sentenza che aveva condannato Moretti a 7 anni. Il pg ha chiesto un nuovo processo anche per altri tre ex dirigenti di Rfi, Francesco Favo, condannato in appello a 4 anni, e per Giovanni Costa e Giorgio Di Marco, che invece erano stati assolti.

 

Nel giugno scorso la corte di appello di Firenze aveva condannato a 7 anni Mauro Moretti ex ad di Fs e di Rfi al processo per la strage di Viareggio. La procura generale aveva chiesto 15 anni e 6 mesi: anche in primo grado Moretti venne condannato a 7 anni. Moretti, che non era in aula, era imputato di disastro, omicidio plurimo colposo, lesioni colpose, incendio. L'11 febbraio Moretti disse in udienza di rinunciare alla prescrizione. La pg poi ha detto che c'è prescrizione da maggio 2018 per incendio e lesioni colpose.

Strage Viareggio, Moretti rinuncia a prescrizione

La Corte d'Appello di Firenze ha condannato Michele Mario Elia, ex ad Rfi, e Vincenzo Soprano, ex ad Trenitalia, a 6 anni di reclusione per la strage di Viareggio del 29 giugno 2009.
 

 

Ultimo aggiornamento: 17:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA