MATTEO SALVINI

Como choc, 90enne derubata e violentata in casa da un senzatetto di 26 anni: arrestato. Salvini: «Porti chiusi»

Domenica 13 Giugno 2021
Como choc, 90enne derubata e violentata in casa da un senzatetto di 26 anni: arrestato

Quando ha sentito un rumore in cucina, dopo le 21 di venerdì sera, non ci ha pensato due volte ed è andata a controllare di cosa si trattasse. Così una donna di quasi novant'anni della zona di Lomazzo, nel Comasco, si è trovata davanti un uomo che stava frugando fra le sue cose. Nel vederla non è scappato, ma l'ha aggredita e poi trascinata in un'altra stanza dove le ha usato violenza. Poi se ne è andato. Non prima di averle preso il telefonino, per impedirle di chiedere aiuto. Lei però anche se sotto choc non si è persa d'animo. È uscita di casa e a piedi è andata da uno dei suoi figli che abita poco distanza. Ed è da qui che il figlio ha allertato i carabinieri che sono subito arrivati. 

 

Cesano, sequestrata e violentata per due anni: 19enne riesce a fuggire e fa arrestare i 2 aguzzini

 

L'ARRESTO - Ai militari ha descritto con precisione quel ragazzo giovane che l'ha violentata e con precisione ha spiegato la dinamica di cosa era accaduto. Anzi ha aggiunto che da qualche giorno lo vedeva aggirarsi in zona. «Scossa ma molto lucida» descrivono la donna che poi è stata portata in ospedale per accertamenti. Così i carabinieri della compagnia di Cantù, guidata dal comandante Francesco Coratti, hanno verificato i posti vicini dove potesse rifugiarsi e nella notte l'hanno trovato in un edificio abbandonato. Con sé aveva il telefonino dell'anziana. È rimasto impassibile all'arrivo degli agenti e non ha detto nulla. In caserma si sono scoperte le sue generalità: Destiny Dike, nigeriano, classe 1995. Un ventiseienne che dall'Italia era già stato espulso una volta, ma era poi tornato chiedendo lo status di rifugiato. Domanda rigettata, anche se il rifiuto non gli era mai stato comunicato perché nel frattempo aveva fatto perdere le proprie tracce. Ora si trova in carcere in attesa della convalida dell'arresto. 

 

 

 

 

LE REAZIONI - E proprio questo ha acceso la polemica politica. «Servono porti chiusi, espulsioni, certezza della pena» ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini. «Attendiamo parole chiare soprattutto dal Viminale - ha aggiunto -: dall'inizio dell'anno sono sbarcati in 15.375, contro i 5.521 dell'anno scorso e i 2.144 dello stesso periodo del 2019». Di «barbarie» commesse da un clandestino «con precedenti» ha parlato anche il sottosegretario dell'Interno Nicola Molteni. «Gli irregolari - ha aggiunto - vanno rimpatriati perché una immigrazione fuori controllo genera disordine, insicurezza e alimenta criminalità e violenza sui territori. Altro che ius soli!». Mentre secondo il presidente della Bicamerale Immigrazione, il leghista Eugenzio Zoffili, «occorre che il ministro dell'Interno Lamorgese prenda atto che il flusso migratorio verso il nostro Paese è al limite di quanto il nostro apparato di sicurezza possa reggere, e che l'unico modo per difendere i nostri confini è la politica dei cosiddetti 'porti chiusì. »La violenza sessuale che è accaduta all'anziana signora nel comasco è gravissima e inaccettabile. Per questo fare campagna elettorale o cercare consensi sul corpo delle donne è una scelta sbagliata oltre che pericolosa« ha replicato la senatrice del Pd Valeria Valente, presidente della Commissione Femminicidio.

 

Roma, violentata nella stanza affittata per la quarantena: arrestato l'uomo che gestisce le camere

Ultimo aggiornamento: 15 Giugno, 10:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA