Viviana Parisi e Gioele, Daniele Mondello lancia una petizione online: «Non archiviate il caso come omicidio-suicidio»

Domenica 3 Gennaio 2021
Viviana e Gioele, l'appello di Daniele Mondello: «Non archiviate il caso come omicidio-suicidio»

«Non archiviate il caso di Viviana e Gioele come omicidio-suicidio, sarebbe come ucciderli una seconda volta». Questo l'appello di Daniele Mondello, il marito di Viviana Parisi e padre del piccolo Gioele, i due protagonisti della tragedia di Caronia, avvenuta nello scorso agosto.

 

 

Il dj siciliano, che in passato aveva criticato le ricerche di Viviana e Gioele e non ha mai nascosto le sue perplessità sulla vicenda, considerata dagli inquirenti un omicidio-suicidio, chiede che il caso non venga archiviato e che si possa tornare a nuove indagini. Daniele Mondello ha scelto di farlo con una petizione online, sottoscrivibile da qualsiasi utente a questo indirizzo: «Viviana amava all'infinito il suo bambino e accusarla di omicidio sarebbe come ucciderla due volte. Non vogliamo una soluzione di comodo ma la verità sulla loro morte. Unitevi al nostro obiettivo affinché chi studia il caso senta il nostro grido di giustizia per due anime belle ed innocenti».

 

 

 

La petizione, in meno di 24 ore, ha raccolto oltre 3000 firme. Daniele Mondello, infatti, non si rassegna a quanto stabilito finora dagli inquirenti e tante persone, da tutta Italia, hanno deciso di supportarlo nella ricerca della verità dopo un dramma che ha prima tenuto col fiato sospeso e poi sconvolto una nazione intera.

Ultimo aggiornamento: 15:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA