Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Colleferro, notte di paura: ragazzo picchiato come Willy, è caccia agli aggressori

Mercoledì 6 Aprile 2022 di Luigi Biagi
Colleferro, notte di paura: ragazzo picchiato come Willy. Caccia agli aggressori

Stessa storia, stesso posto di Willy Monteiro. A Colleferro la tragedia poteva ripetersi in una notte del fine settimana scorso, quando un ragazzo di 25 anni è stato aggredito tra la folla sbigottita. Ma per fortuna l’esito è stato diverso, anche se un calcio sferrato verso la testa della vittima poteva avere conseguenze ben più gravi. 

Il luogo è quello dei pub della cittadina industriale, ai confini della provincia di Roma. Un’area, quella di largo Santa Caterina, dove ogni settimana si riuniscono decine di ragazzi che a Colleferro si proiettano dai paesi del circondario per trovare svago e curare i rapporti di amicizia. Pochi metri più in là, nel giardino pubblico che si trova dall’altra parte della strada, il 6 settembre 2020 fu pestato Willy Monteiro. Sulla morte del giovane di Paliano è alle battute conclusive il processo a quattro giovani di Artena: Gabriele e Matteo Bianchi, a Mario Pincarelli e a Francesco Belleggia. Stavolta a fare le spese di un pestaggio è stato un ragazzo di Artena, attualmente ricoverato all’ospedale “Parodi Delfino” di Colleferro. Il tutto è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato scorso, tra l’una e le due. 

 

I motivi per i quali è iniziata la lite non sono ancora chiari ma la dinamica è testimoniata da ben due video girati con degli smartphone. Vi si vede un ragazzo a terra, sul quale si è avventata un’altra persona, giovane, non riconoscibile. Il ragazzo aggredito appare supino e si protegge testa e collo con le mani. Un altro uomo, inizialmente incappucciato, si accanisce su di lui e cerca di sferrargli un calcio in testa ma sembra mancarlo. Intorno ci sono altri ragazzi e ragazze: alcuni guardano attoniti, altri urlano, altri tentano di fermare il pestaggio. Un ragazzo afferra il cappuccio di chi aveva sferrato il calcio: appare un volto non riconoscibile di un uomo di mezz’età. Intanto il venticinquenne pare riuscire a scappare e, ancora per qualche secondo, la lite prosegue a pochi metri di distanza. Alla fine si sente una donna che chiede di smetterla perché si sta “facendo un macello”. 

Video

La zuffa potrebbe essere durata uno o due minuti: quando i carabinieri sono arrivati sul posto era tutto finito e il ragazzo di Artena era stato già portato in ospedale da un’ambulanza. I medici hanno dato al venticinquenne trenta giorni di prognosi, ricoverandolo in ortopedia: potrebbe essere sottoposto a un intervento chirurgico per una frattura a una gamba. Intanto però non avrebbe ancora presentato querela contro i propri aggressori, mancherebbe dunque la sua versione, che potrebbe offrire chiarimenti sui motivi che hanno provocato la lite e sulla dinamica degli avvenimenti. Gli investigatori, a loro volta, hanno già raccolto i video per analizzare i fotogrammi. Intanto a Colleferro, ad Artena e nei dintorni è tornato l’incubo della possibilità di rivivere i giorni della morte di Willy. In questo anno e mezzo si sono susseguite molte manifestazioni pubbliche in cui migliaia di persone hanno preso le distanze da quel pestaggio. Scuole ed enti pubblici hanno messo in campo attività scolastiche e progetti di opere pubbliche. I nuovi fatti lasciano i residenti basiti e l’amministrazione comunale di Colleferro ha deciso di non commentare la vicenda. Chi è della zona non nasconde la frustrazione di essere in balia di pochi violenti: «Noi poveri genitori – afferma Maria - non possiamo mai star tranquilli quando i nostri figli sono fuori casa perché c’è sempre qualche testa calda di cui aver paura. A loro la storia del povero Willy pare non aver insegnato nulla».

Ultimo aggiornamento: 10:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA