Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, rapina choc al negozio WindTre: «Conta fino a mille o ti uccido»

Colpo al negozio WindTre Largo Argentina di via Florida 14, nel cuore Roma

Venerdì 22 Aprile 2022
Roma, rapina choc al negozio WindTre: «Conta fino a mille o ti uccido»

«Conta fino a mille o ti uccido». Si è rivolto così il rapinatore prima di fuggire con il bottino alla malcapitata commessa del negozio WindTre Largo Argentina di via Florida 14, nel cuore Roma. Una rapina choc avvenuta oggi poco dopo l'orario di apertura.

Erano le 9,30 e nel negozio c'era solo la commessa 25enne che aveva appena aperto. All'improvviso è entrato il rapinatore incappucciato, con il volto coperto anche da una mascherina e armato di pistola che ha puntato in faccia alla giovane donna.

«Dammi tutti i tuoi soldi e andiamo nel retro nel bunker dove tenete tutti i cellulari» ha minacciato il malvivente solitario, con evidente accento romano, prima di fare razzia degli ultimi modelli di telefonini e dei soldi degli incassi degli ultimi giorni. Il bottino ammonta a circa 25 mila euro. Prima di andarsene, il rapinatore ha minacciato ancora la commessa terrorizzata. 

«Io me ne vado, ma se non conti fino a mille, torno e ti uccido». La 25enne ha atteso qualche attimo, sotto choc, prima di chiamare le forze dell'ordine. Il malvivente è addirittura tornato indietro per vedere se la dipendente del negozio stesse davvero contando, a quel punto l'ha minacciata di nuovo ed è fuggito con smartphone e soldi.  Solo allora la commessa ha chiamato la polizia. Sul posto le Volanti della questura di Roma per i rilievi di rito. 

«In questi anni abbiamo subito tantissimi furti notturni - racconta Silvia Falcone, titolare del negozio - ma una simile rapina, così violenta, ancora non ci era capitata. Sembra di essere tornati indietro di 40 anni, ai tempi degli anni di Piombo. Io non ero in negozio, ma abbiamo sentito al telefono la nostra dipendente ed era ancora sotto choc. Non è possibile che succedano cose del genere nel cuore di Roma». 

Ultimo aggiornamento: 22:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA