Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Yacht sugli scogli a Porto Cervo, l'autopsia: «Dean Kronsbein non è morto di infarto»

Sabato 6 Agosto 2022
Yacht sugli scogli a Porto Cervo, l'autopsia: «Dean Kronsbein non è morto di infarto»

Una grave lesione spinale e un trauma toracico come conseguenza di un violento impatto a terra. È questo l'esito dell'autopsia sul corpo dell'imprenditore tedesco Dean Kronsbein , morto nello schianto dello yacht a Porto Cervo nel golfo del Pevero. Non un infarto, quindi, come era stato accertato in un primo momento. L'autopsia, eseguita dal medico legale incarico dalla Procura di Tempio Pausania, Matteo Nioi, si è conclusa nella tarda sera di ieri.

Scambio di accusare tra i comandanti

Ci vorrà ancora del tempo per capire con precisione cosa si accaduto domenica scorsa nel golfo del Pevero, a Porto Cervo. La verità sulla dinamica dell'incidente, avvenuto nel mare della Costa Smeralda e che è costato la vita al manager tedesco con passaporto britannico, è ancora lontana dall'essere accertata. I due comandanti delle imbarcazioni coinvolte - Luigi Cortese per la Sweet Dragon, della famiglia Berlusconi, e Mario Lallone per lo yatch Amore, sul quale viaggiava la vittima con alcuni familiari e altre persone - si accusano a vicenda.

Porto Cervo, per lo schianto dello yacht indagato il comandante della barca di Berlusconi

Cortese, 57 anni originario di Ischia, ha raccontato agli inquirenti la sua versione dei fatti sostenendo che sarebbe stato il grande motoscafo Amore ad aver sbagliato manovra. Lallone, 67 anni, abruzzese, ha invece dichiarato di essere stato costretto a cambiare improvvisamente rotta per non entrare in collisione con l'altro yacht, versione che anche i familiari della vittima starebbero sostenendo. Le uniche certezze finora sono queste: domenica sera all'imbrunire le due imbarcazioni procedevano su rotte opposte e a un certo punto lo yatch Amore è finito contro gli scogli dell'isola delle Rocche. Dean Kronsbein, sbalzato in acqua dopo l'impatto, è morto in banchina dopo oltre un'ora di tentativi di rianimazione da parte del 118. La moglie e la figlia invece sono rimaste gravemente ferite, ma ora le loro condizioni sono in miglioramento.

I due comandanti accusati di omicidio colposo e lesioni

A prestare i primi soccorsi ai naufraghi, mentre dallo yacht sventrato veniva lanciato il May day alla Capitaneria di porto di Olbia, è stato proprio il motoscafo Sweet Dragon. E ancora, sul posto ai due comandanti è stato effettuato il pre-test per capire se avevano assunto alcol ed è risultato negativo. A bordo del motoscafo Magnum 70 di proprietà dell'ex premier, al momento dell'incidente c'erano solo il comandante Cortese e un altro membro dell'equipaggio: gli ospiti erano già sbarcati a Baia Sardinia e la barca stava facendo rotta verso sud per ritornare all'ormeggio, a Porto Rotondo.

Porto Cervo, barca finisce sugli scogli

La Procura di Tempio Pausania ha aperto un fascicolo e iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo e lesioni e vede indagati i due comandanti con l'accusa di omicidio colposo e lesioni (Cortese è difeso dall'avvocato Fabio Varone; Lallone da Egidio Caredda, le indagini sono svolte dalla Guardia costiera di Olbia e coordinate dal procuratore Gregorio Capasso e dalla pm Enrica Angioni). L'autopsia sul corpo del manager è tuttora in corso da parte del medico legale Matteo Nioli, presenti anche i periti nominati dagli avvocati dei due indagati. Le due imbarcazioni sono sotto sequestro, così come cellulari e tablet dei due comandanti e di alcuni ospiti. Saranno analizzati dal perito informatico nominato dalla Procura. Dal loro contenuto, così come dall'analisi dei gps di bordo, potrebbero arrivare informazioni utili a ricostruire con esattezza la dinamica dell'incidente.

 

Ultimo aggiornamento: 17:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA