Ylenia Bonavera, il video della rissa prima della morte: accoltellata da una donna. Su Facebook scriveva: «Un mondo perso»

Venerdì 11 Dicembre 2020
Ylenia Bonavera, il video della rissa prima della morte: accoltellata da una donna. Su Facebook scriveva: «Un mondo perso»

Era scampata alla morte quando il 7 gennaio 2017 a Messina il suo ex le aveva dato fuoco dopo averle versato addosso della benzina e la notte scorsa è morta nell'ospedale Garibaldi - Centro di Catania con una coltellata inferta probabilmente al culmine di una lite e dopo aver assunto alcol e droga. Una vita non facile quella di Ylenia Bonavera, 24 anni.

 

 

La giovane dopo l'aggressione era andata a vivere a Catania, dove aveva preso una casa in affitto. Del caso si sta occupando la squadra mobile del capoluogo etneo, che ha ascoltato la persona che l'ha trasportata in ospedale per ricostruire le ultime ore di vita della ragazza e le sue frequentazioni. La Procura ha aperto una inchiesta e disposto una autopsia, che potrà far luce sulla vicenda. Mantengono il massimo riserbo comunque gli investigatori, che in un primo momento avevano escluso la coltellata come causa della morte, propendendo per una overdose di droga mischiata con alcol, come evidenziato da una prima ispezione cadaverica.

 

Stando a quanto accertato dalla Polizia di Stato, la ragazza è arrivata in condizioni già gravi in ospedale ma non vi sono finora conferme che sia risultata positiva alla cocaina. Un'aiuto dalle indagini potrebbe venire da un video dell'aggressione ripreso da un cittadino e pubblicato in serata dal sito Meridionews in cui si vede la vittima colpita alla spalle da una donna, probabilmente una donna, e poi accasciarsi nella sua auto. Una persona si è presentata in serata alla squadra mobile della Questura, accompagnata dal suo legale, per rendere spontanee dichiarazioni.

 

 

 

Ylenia, nell'aggressione da parte dell'ex che aveva tentato di darle fuoco - Alessio Mantineo, 25 anni, condannato a 10 anni in appello - aveva riportato ustioni nel 13 per cento del corpo ed aveva perso il bambino che aspettava. Durante il processo prese le difese dell'ex considerando il gesto una prova d'amore e per questo fu rinviata a giudizio a Messina per favoreggiamento e falsa testimonianza. Il processo era cominciato il 27 novembre scorso e la prossima udienza era stata fissata per il marzo del 2021. La sua legale, l'avv. Rosaria Chillè, stamane appresa la notizia è rimasta sconvolta «L'ho sentita su Whatsapp. Premevo perché potessimo incontrarci e perché potesse presenziare al processo, che ormai è morto con lei».

 

L'ultima «diretta» di Ylenia su Facebook, 22 ore prima della morte, la ritrae in auto mentre ascolta e canta una canzone d'amore napoletana. Ylenia era una bella ragazza con i tatuaggi sulle braccia, amava farsi i selfie. Ascoltava musica neomelodica e postava foto di cagnolini, pietanze e invocazioni a Gesù. Sul profilo col nome di «Dolce stella» aveva scritto «fidanzata ufficialmente». «Accanto a me voglio persone sincere, positive come sono io...la vera amicizia non esiste. È un mondo perso ed è brutto perché io con una persona mi ci devo confidare ma mi devo anche fidare ed al giorno d'oggi so per certo che è impossibile», ha scritto nel suo ultimo post.

Ultimo aggiornamento: 16:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA